sabato 28 febbraio 2015

Lega in piazza a Roma, tensione già alta alla vigilia: scontri

Tra forze ordine e movimenti: contusi e fermi. Occupata basilica



Scontri tra forze dell'ordine ed i manifestanti del Movimento per il diritto alla casa a piazzale Flaminio
















Lo sgombero degli occupanti nella basilica a Piazza del Popolo


















La protesta contro Salvini del movimento lotta per la casa














I manifestati hanno esposto uno struscione sul tetto della basilica







La vigilia del comizio di Matteo Salvini a Roma è segnata dalla rivolta dei movimenti sociali contro l'arrivo del leader della Lega e dagli scontri con le forze dell'ordine, in un centro già tilt per la protesta degli autisti Ncc. Un prologo di quel che si teme possa accadere domani, quando alla manifestazione leghista contro il premier Matteo Renzi a piazza del Popolo si contrapporrà il corteo dei centri sociali e dell'estrema sinistra. E ci saranno 3 mila uomini delle forze dell'ordine schierati.
"E' tutto confermato, anzi di più - ha detto Salvini -. La risposta deve essere compatta, pacifica e determinata. Non possono essere quattro squadristi a decidere chi manifesta e chi no". Ieri militanti di vari movimenti - studenteschi, per la casa, di immigrati - hanno occupato in mattinata la Basilica di Santa Maria del Popolo nella piazza omonima, dove domani si terrà l'iniziativa del Carroccio. Sono arrivati fino alla cupola per srotolare lo striscione 'Mai con Salvini'. Sono stati sgomberati dagli uomini della Guardia di Finanza, che hanno trascinato diversi militanti di peso fuori dalla chiesa. Tre i fermati. Alcuni, travolti nella calca, sono stati portati via in barella dalle ambulanze.
"Uno sgombero pesante", secondo Sel, che denuncia: "Salvini porta tensioni a Roma". La piazza è stata quindi chiusa su tutti i lati dalle forze dell'ordine, anche ai pedoni, ma i movimenti sui social network hanno dato appuntamento alle 17 a piazzale Flaminio, separata dalla prima da pochi metri e dagli archi delle antiche mura. I manifestanti di 'Mai con Salvini' hanno bloccato il traffico e litigato con gli automobilisti infuriati.
I duri, indossati caschi e sciarpe sul volto, hanno lanciato bombe carta e bottiglie, fino alla carica della polizia in assetto antisommossa che li ha allontanati, liberando la strada e lasciando a terra dei contusi. I militanti si sono quindi diretti in corteo su via Flaminia, al grido di 'Togliamo di mezzo il mondo di sopra', un riferimento all'inchiesta su Mafia Capitale. Le forze dell'ordine li hanno dispersi con i lacrimogeni. La questura ha fatto sapere in serata di alcuni fermi. Domani la tensione sarà tutta intorno a piazza del Popolo per i possibili tentativi di infiltrazione degli antagonisti e per rischiosi contatti a piazza Vittorio - partenza del loro corteo - con i militanti di CasaPound, che hanno la sede lì vicino. "Mai nella vita avrei pensato di organizzare una manifestazione con centri sociali che fanno casino e occupano le basiliche per non farmi parlare", ha detto in serata Salvini, che si è augurato "una manifestazione ostile ma civile".

(ANSA)

Nessun commento:

Posta un commento