martedì 24 febbraio 2015

Sanatoria Equitalia: annullate tutte le cartelle esattoriali fino a 2.000 euro 

Sanatoria Equitalia: annullate tutte le cartelle esattoriali fino a 2.000 euro

La legge di stabilità ha annullato le cartelle esattoriali iscritte a ruolo fino al 1999 inferiori a 2.000,00 euro.

Si avvicina il tanto atteso 1° luglio 2013, giorno in cui scatterà la cancellazione di tutti i debiti con l’agente di riscossione dei tributi esattoriali per le cartelle di importo fino a 2.000 euro.
Avevamo diffuso la notizia, con largo anticipo, con questo articolo dello scorso gennaio: “Annullati automaticamente i debiti con Equitalia fino a 2000 euro”.

La legge di stabilità [1] ha previsto l’annullamento delle cartelle esattoriali di importo fino a duemila euro, che scatterà d’ufficio il 1° luglio 2013, purché vi siano due requisiti, e precisamente:
1. si deve trattare di somme iscritte a ruolo entro il 31 dicembre 1999. Quindi tutti i tributi iscritti successivamente a tale data, anche se di importo inferiore a duemila euro, andranno pagati. Per verificare la data di iscrizione a ruolo, si potrà controllare l’indicazione contenuta sulla stessa cartella.
2. si deve trattare di cartelle con somme non superiori a duemila euro. Tale soglia viene calcolata considerando solamente tre voci: capitale, interessi per ritardata iscrizione al ruolo e sanzioni.

La norma non specifica la natura dei ruoli (ossia il tipo di tributo) da annullare; per cui, l’annullamento comprenderà qualunque somma iscritta a ruolo: tributi, contributi previdenziali, multe, rette scolastiche, ecc.
La cancellazione quindi riguarderà non solo le entrate tributarie, ma molti crediti dei Comuni, i quali si vedranno annullare i ruoli senza distinzione tra quelli che non si riescono a riscuotere e quelli ancora oggetto di procedure esecutive.

L’annullamento automatico coinvolgerà anche somme da riscuotere per cui veniva applicato il sistema dell’anticipazione da parte dell’ente della riscossione delle somme iscritte a ruolo. Questo significa che i Comuni saranno obbligati a restituire all’ente somme anticipate e mai riscosse.

Se hai problemi con una cartella Equitalia e vuoi ricevere aiuto, clicca sul banner posto sotto l’articolo e acquista un ticket da 28 euro per ottenere la tua consulenza.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su FacebookGoogle + e TwitterIscriviti alla newsletter

In pratica

Si consiglia a tutti i contribuenti di richiedere all’ente incaricato per la riscossione la propria posizione debitoria, così da verificare nei prossimi mesi se i vecchi ruoli sono stati annullati o meno. In caso di esito negativo, è consigliabile depositare personalmente, presso l’agente della riscossione, un’istanza con cui si chiede l’applicazione della legge e quindi l’annullamento delle cartelle.

Per stabilire se la propria cartella esattoriale verrà automaticamente annullata, bisogna verificare che il ruolo sia stato reso esecutivo fino al 31.12.1999. L’indicazione è contenuta nella stessa cartella notificata; ma se tale indicazione non è visibile nella cartella, lo si potrà chiedere all’Agente della riscossione.

In questi sei mesi che mancano all’efficacia della norma interverrà un decreto ministeriale che stabilirà le modalità pratiche in cui dovrà avvenire il discarico delle cartelle.

[1] L. n. 228 del 24 dicembre 2012, art. 1, commi 527-529.

L'autore

Cristiana Facco

Avvocato. Ha svolto principalmente la sua professione a Milano e nel 2010 si è trasferita in Toscana. Esperta nella contrattualistica d'impresa e nella co [...]


 http://www.laleggepertutti.it/26704_sanatoria-equitalia-annullate-tutte-le-cartelle-esattoriali-fino-a-2-000-euro#sthash.E1NVRFwp.gABPkcfm.dpufà

Nessun commento:

Posta un commento