lunedì 23 febbraio 2015

Grecia, Tsipras si arrende: restano i tagli agli statali e l'austerity

E così Tsipras si è arreso alla Troika. Per il popolo greco resteranno tagli e austerity, lacrime e sangue. Le promesse elettorali del nuovo premier sono subito state smentite dai fatti. Il premier greco ha raggiunto un accordo di 4 mesi con la UE, accordo che, di fatto, lascia la situazione invariata in attesa di una nuova intesa tutta da definire.

Scrive Repubblica
La Grecia di Alexis Tsipras, con buona pace delle promesse elettorali, riparte dalla Troika. "É un'istituzione che non riconosciamo e non metterà più piede ad Atene", aveva garantito il leader di Syriza la sera del 25 gennaio, dopo la vittoria alle elezioni. La realpolitik e la drammatica fuga di capitali dalle banche hanno però avuto la meglio.

Il premier è stato costretto a raggiungere un compromesso al ribasso all'Eurogruppo ("senza un accordo, da oggi avremmo dovuto imporre controlli alla circolazione di denaro e il paese sarebbe collassato ", racconta uno dei negoziatori del Partenone). E stamattina formalizzerà la retromarcia "forzata" inviando per approvazione a Ue, Bce e Fmi - alias la vecchia Troika - il piano di riforme del governo, l'ultima carta per tenere Atene in Europa.
Durissimo il commento di Martin Armstrong sul suo blog rispetto alla decisione del governo greco di piegarsi, anche se solo per quattro mesi, alla volontà del Memorandum e della Troika. 
Il governo greco si impegna ad inasprire le tasse e a tagliare i dipendenti pubblici. Veramante non so come certi idioti possano essere alla guida dei governi. Come si può rivitalizzare l'economia in questo modo? La Grecia ha firmato la sua condanna a morte. Più deflazione per tutti per assicurare ancora che i creditori possano ottenere tutto il loro bottino alle spese delle popolazioni. Non c'è nessuna speranza di riforma senza un pieno ribaltamento. Dobbiamo vivere una cosiddetta fase di "crash and burn". E' realmente irrilevante quale sia il gruppo di politici di carriera che eleggiamo oggi. Sono incapaci anche solo di pensare come poter uscire dalla trappola".


http://www.tzetze.it/redazione/2015/02/grecia_tsipras_si_arrende_restano_i_tagli_agli_statali_e_lausterity/index.html 

Nessun commento:

Posta un commento