mercoledì 25 febbraio 2015

CHAMPIONS DOTTO - MENTRE IL BARCA RITROVAVA A MANCHESTER IL SUO DRACULA, ALIAS SUAREZ, JUVENTUS RIVEDE I FANTASMI DELL’EUROPA OSTILE, DI MISURA SUL BORUSSIA: 2-1

Tanto più che perde Pirlo e con Pirlo non trova più nemmeno la palla, mentre Pogba ondeggia maestoso ma senza corpo e Vidal è solo falloso. E ora a Dortmund, tra due settimane, la gatta sarà tutta da pelare…

Giancarlo Dotto per Dagospia

JUVE BORUSSIAJUVE BORUSSIA
Mentre il Barca ritrovava a Manchester il suo magnifico Dracula, alias Suarez, quanto basta per spaventare a morte gli inglesi e immaginarsi già nei quarti, infischiandosene anche del Messi che sbaglia il rigore, a Torino faccenda molto più complicata per Tevez e amici.  

Diciotto anni dopo, il nome Borussia associato a Dortmund suona ancora sinistro nel mondo Juve, quella finale di Champions a Monaco persa da favoritissimi. La banda dell’istrionico Klopp è tornata a giocare a mille, ritmi venusiani per il nostro pachidermico calcio.
JUVE BORUSSIAJUVE BORUSSIA

JUVE BORUSSIAJUVE BORUSSIA
Si mette subito benissimo per la Juventus, aggressiva secondo status europeo e l’Apache che sta lì dove deve sulla manata paperona del portiere crucco. L’evviva strozza in gola con Buffalo Chiellini che non trova più la terra sotto i piedi e quel magnifico bipede di Marco Reus è semplicemente perfetto da killer.
JUVE BORUSSIAJUVE BORUSSIA

C’è anche Ciro Immobile alquanto stonato in giallo canarino deutsch, diviso tra la smania di vendetta in campo e l’imbarazzo fuori campo dello zio Francesco, fratello del padre, arrestato la vigilia per usura molto malandrina. Più impalpabile lui dello zio.
JUVE BORUSSIAJUVE BORUSSIAJUVE BORUSSIAJUVE BORUSSIAJUVE BORUSSIAJUVE BORUSSIA

Juventus che rivede i fantasmi dell’Europa ostile, tanto più che perde Pirlo e con Pirlo non trova più nemmeno la palla, mentre Pogba ondeggia maestoso ma senza corpo e Vidal è solo falloso. Ma bastano Tevez e Morata, ancora, per spiegare quanto vulnerabile sia la difesa dei tedeschi. Se questo è Morata, tempi durissimi per Llorente.

Il secondo tempo non modifica la sostanza. Più Borussia, ma Juventus molto fisica e concentrata. Tutte sue le occasioni d’oro per chiudere la pratica. Prima il sempre torrido Tevez, poi Pereyra. Fuori di niente. Cercare il 3 a 1 e rischiare il letale 2 a 2 o restare conservativi? La Juventus maneggia bene il dubbio. Non corre grandi rischi. E ora a Dortmund, tra due settimane, la gatta sarà tutta da pelare.  

http://www.dagospia.com/rubrica-30/sport/champions-dotto-mentre-barca-ritrovava-manchester-suo-dracula-95201.htm

Nessun commento:

Posta un commento