martedì 20 gennaio 2015

Parigi. Coulibaly e Boumeddiene furono fermati e rilasciati dalla polizia il 30 dicembre

amedy-coulibaly-e-hayat5-300x224-Redazione- Erano stati fermati, controllati e, incredibilmente, lasciati andare. Si tratta di Amedy Coulibaly, il terrorista ucciso nell'ambito del blitz del 9 gennaio scorso al market ebraico di Parigi, e della sua compagna Hayat Boumeddiene.
Secondo quanto riporta in esclusiva il settimanale francese le Canard Enchainé, infatti, il 30 dicembre dello scorso anno, poco prima che si vedesse compiuta la strage parigina, i due erano stati fermati a bordo di una Seat Ibiza noleggiata, nel XIX arrondissement di Parigi. La polizia li aveva fermati nell'ambito di un controllo di routine, durante il quale emerse come Coulibaly avesse passato l'esame di guida soltanto da venti giorni. A fronte di ciò, gli agenti decisero di controllare la banca dati e ne emerse come fosse un sospettato: un soggetto considerato pericoloso e vicino agli ambienti islamici. 
Fu così che i due poliziotti informarono i superiori e i servizi antiterrorismo. Ciononostante, non vi fu alcuna sorveglianza o pedinamento, con il risultato che, dieci giorni dopo, mentre la fidanzata si trovava in Siria, Coulibaly si rese protagonista di uno dei momenti più cupi della Francia e dell'Occidente intero.

http://www.articolotre.com/2015/01/parigi-coulibaly-e-boumeddiene-furono-fermati-e-rilasciati-dalla-polizia-il-30-dicembre/

Nessun commento:

Posta un commento