mercoledì 21 gennaio 2015

Morta la filantropa Yoko Nagae Ceschina

Da oltre trent’anni finanziava artisti e musicisti. Aveva finanziato il Teatro Malibran di Venezia e fu consigliere di amministrazione nella Fenice

Yoko Nagae Ceschina con Vladimir Putin (archivio)
Yoko Nagae Ceschina con Vladimir Putin (archivio)

VENEZIA Si è spenta sabato notte e Roma la contessa Yoko Nagae Ceschina, la filantropa italo-giapponese amante dell’arte e soprattutto della musica. Da oltre trent’anni aiutava artisti e musicisti, ma anche varie associazioni come gli Amici della Fenice di cui fu nel consiglio di amministrazione. Ha finanziato tra le altre cose anche il restauro del Teatro Malibran. Aveva 82 anni. Yoko Nagae arrivò a Venezia nel 1960, dopo la laurea all’Università di Tokyo, per studiare arpa, e in Italia conobbe il conte Renzo Ceschina, miliardario imprenditore milanese. Nel 1977 si sposarono ma il conte dopo qualche anno morì, lasciando un patrimonio di 190 milioni di dollari alla contessa. Ci fu un’aspra battaglia nelle aule del Tribunale di Milano per l’eredità con i nipoti di Renzo Ceschina, ma alla fine il giudice la nominò unica erede Yoko Nagae. Yoko Nagae si stabilì a Venezia in uno splendido palazzo sul Canal Grande e da quel momento iniziò ad aiutare i giovani artisti. Negli ultimi tempi si è dedicata alla sua passione più grande, la musica, viaggiando per il mondo.

http://corrieredelveneto.corriere.it/veneto/notizie/cultura_e_tempolibero/2015/12-gennaio-2015/morta-filantropa-yoko-nagae-ceschina-230836574784.shtml

Nessun commento:

Posta un commento