sabato 6 dicembre 2014

Usa. La polizia uccide un altro ragazzo nero disarmato. Clinton: “Il sistema è sbilanciato”

ferguson-grand-jury-Redazione- Mentre a Fergusoncontinuano le proteste per la vicenda di Michael Brown, il ragazzo nero ucciso da un poliziotto, proseguono, diffondendosi a macchia d'olio per tutti gli Stati (cortei anti-razzisti si sono tenuti questa notte a New York, Boston, Pittsburgh e Chicago), un altro omicidio ai danni di un ragazzo afroamericano da parte della polizia si è visto compiuto. 
La vittima si chiamava Rumain Brisbon, 34 anni: è stato ucciso dalla polizia a Phoenix, in Arizona. E' stato ammazzato martedì scorso, ma solo oggi ne è trapelata la notizia. Secondo quanto appreso, era stato fermato per sospetto spaccio di droga, ma, durante la perquisizione, i poliziotti avevano trovato solo delle pillole, farmaci. Dirante il fermo si è verificata però una colluttazione, e la polizia ha sparato contro l'uomo, uccidendolo.
Secondo il portavoce della polizia, Trent Crump, "l'agente stava facendo quello che ci si aspetta da un poliziotto che sta indagando su un crimine".
Intanto, il segretario di Stato Usa, Hillary Clinto, ha condannato duramente gli episodi di razzismo: "Il sistema della giustizia è sbilanciato", ha detto, e "nonostante i progressi che abbiamo fatto insieme, gli afroamericani e in particolare gli uomini afroamericani, hanno tuttora più possibilità di essere fermati e perquisiti dalla polizia, incriminati e condannati a lunghe pene detentive".

http://www.articolotre.com/2014/12/usa-la-polizia-uccide-altro-ragazzo-nero-disarmato-clinton-il-sistema-e-sbilanciato/

Nessun commento:

Posta un commento