mercoledì 10 dicembre 2014

Stamina. La Corte Costituzionale: “Stop a nuove autorizzazioni per la terapia”

vannoni-Redazione-La Corte Costituzionalemette un punto definitivo alla vicendaStamina, bloccando l'autorizzazione a nuovi trattamenti.
Il tutto trae origine da un ricorso del Tribunale di Taranto, in cui si richiedeva se, oltre i pazienti ammessi attraverso il decreto Balduzzi del 2013, altre persone potessero aver accesso alla terapia sperimentale presso gli Spedali di Brescia.
La Corte è però stata chiarissima: niente autorizzazione. Questo perché, spiegano i giudici, "le circostanze peculiari ed eccezionali del decreto non ricorrono nei riguardi di altri pazienti che chiedano successivamente di essere trattati". "E questo perché non vi è giustificazione a una deroga al principio di doverosa cautela nella validazione e somministrazione di nuovi farmaci", prosegue la stessa sentenza.
«La Corte costituzionale ha finalmente scritto la parola `fine´ alla vicenda tristemente nota come `Caso Stamina´", è stato invece il commento dell'Aifa, a fronte della sentenza. "Con la sua insindacabile decisione ha infatti ribadito quanto aveva già espresso sin dal tempo della questione `Di Bella´ e successivamente ripetuto in ordine alla necessità che le scelte terapeutiche debbano essere preventivamente e scientificamente sperimentate e validate, come strenuamente sostenuto dall’AIFA».
"La Corte ribadisce che è solo dopo la verifica scientifica che produce il riconoscimento dell’efficacia e della validità di una cura o di un medicinale, secondo procedure regolatorie nazionali e internazionali, che il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) può essere chiamato ad accollarsene il relativo costo", conclude la nota.

http://www.articolotre.com/2014/12/stamina-la-corte-costituzionale-stop-a-nuove-autorizzazioni-per-la-terapia/

Nessun commento:

Posta un commento