mercoledì 31 dicembre 2014

SICURI CHE IL PD ABBIA VINTO DAVVERO LE ELEZIONI?

elezionitruccate

Elezioni Italiane, una possibile macchinazione creata per far vincere chi fa comodo

ECCO COSA E’ STATO SCOPERTO

Credete forse che il vostro voto elettorale sia davvero di peso per i nostri politici?

Credete che del vostro voto dipenda il futuro dalla nostra Italia?

PROBABILMENTE SBAGLIATE!

Dietro le elezioni vi è un sistema macchinoso e ben congegnato, atto a modificare e rettificare il voto a seconda del volere dei poteri alti… Ovviamente macchinato in  modo tale da far vincere colui che fa più comodo in quel dato momento! Non ci credete?
Guardate un pò questi 2 brevi video.
Sono assolutamente importanti e vi apriranno gli occhi su alcune scoperte che davvero lasciano senza incertezze.

L’ingegnere in questione: Clinton Curtis, ha lavorato per un’ azienda Americana che si occupava propriamente di questo campo…
E sapete qual è la ditta che IN ITALIA, comunica i dati delle elezioni al Palazzo del Viminale, assieme alla Telecom?
INDOVINATE VOI STESSI… Non è difficile!!!!!!!!
È proprio la stessa azienda…
Siamo nel Luglio del 2006. Clinton Curtis, la “gola profonda” che l’anno prima accusò sotto giuramento i repubblicani di avergli ordinato il software per vincere le elezioni americane, ha messo in rete una copia identica di quel programma, con tanto di codice sorgente, per mostrare al mondo intero quanto sia semplice manipolare un risultato elettorale, e come la gente possa non rendersene conto.
Il meccanismo è semplice e veloce!
In un mondo dove si tende chiaramente a far scomparire ogni possibile traccia cartacea che permetta in qualunque modo di effettuare verifiche “tangibili” a posteriori. Questo è quanto accade in America… Ma credete che le elezioni Italiane siano immuni da questo sistema?

Fonte: http://jedasupport.altervista.org/blog/politica/elezioni-italiane-programma-video/?doing_wp_cron=1419933737.6971778869628906250000

http://www.iconicon.it/blog/2014/12/sicuri-che-il-pd-abbia-vinto-davvero-le-elezioni/

Nessun commento:

Posta un commento