mercoledì 31 dicembre 2014

"Piuttosto che ammazzarmi, non pago più le tasse", il piccolo imprenditore sfida lo Stato rapace

Per non suicidarsi, non paga più le tasse.È la sfida che Pippo Barresi, “lavoratore e prima ancora padre e nonno di famiglia”, lancia a quello che ritiene uno “Stato parassitario”, appellandosi allo “stato di necessità”, davanti al quale anche il codice penale alza le mani, e alla Costituzione, che dice che ognuno deve versare “in ragione della capacità contributiva”. Barresi, 54 anni, ha un chiosco bar al centro di Scordia, Catania, e in una lettera aperta pubblicata su Facebook ha raccontato le difficoltà di un commerciante schiacciato dalle tasse e la sua scelta di disobbedienza fiscale. Ne è nato un hashtag, #IononMIammazzo, che sta diventando virale, rilanciato sui social insieme alla protesta da tanti altri piccoli imprenditori. (dopo la foto, la lettera di Barresi)

“Mi chiamo Barresi Giuseppe, lavoratore e prima ancora padre e nonno di famiglia, dichiaro apertamente di non riuscire più a pagare, con i miei incassi, tutte quelle tasse che lo Stato mi chiede. Mi appello ai principi dello stato di necessità e della capacità contributiva proporzionale al proprio reddito, stabiliti rispettivamente dagli Art. 54 c.p. e 53 Cost. per legittimare il mio rifiuto categorico di continuare a contribuire, attraverso le tasse, alle spese per il mantenimento dei privilegi della classe politica che ci governa, vera protagonista di questa crisi economica.
Con le loro scelte hanno mantenuto uno Stato parassitario, e scaricato le proprie responsabilità verso le categorie più deboli, in particolare piccoli commercianti e artigiani. Tassa dopo tassa ci hanno portato allo stremo e oltre, spesso inducendoci a pensare seriamente al suicidio. E questa è l’accusa maggiore che faccio ai nostri governanti: induzione al Suicidio. In questi anni ho cercato di pagare le bollette, che sono quadruplicate, ho cercato di pagare le tasse comunque quadruplicate, ho cercato di mantenere in vita la mia attività portando al minimo i costi di gestione e riducendo le mie entrate, perché costretto ad abbassare i prezzi (nonostante l’Iva) per mantenere la clientela”. (continua dopo la foto)
“Di conseguenza - ha scritto Barresi su Facebook -ribadisco apertamente di non poter più pagare ulteriori tasse: non sono un delinquente, non sono un ladro e non voglio essere un evasore, ma davanti a una politica che continua insensatamente a mantenere privilegi e costi sproporzionati, vergognosi e irrispettosi nei confronti di tutti i lavoratori di questo paese, inizio questa protesta economica appellandomi ai due sopracitati principi:

Art. 54 co.1 del Codice penale: stato di necessità. Non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di salvare sé od altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona, pericolo da lui non volontariamente causato, né altrimenti evitabile, sempre che il fatto sia proporzionato al pericolo. Il vertiginoso e incontrollato aumento delle tasse ha prodotto un danno grave e attuale alla mia famiglia mettendo in pericolo soprattutto il futuro dei miei figli e nipoti.
Art.53 co.1 della Costituzione italiana: tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva.
Io non incasso abbastanza per pagare tutte queste tasse e se non incasso abbastanza vuol dire che c’è qualcosa nei conti dello Stato che non funziona e quindi essendo cittadino italiano esigo che lo Stato si faccia garante della mia condizione familiare. #IOnonMIammazzo”.

http://www.caffeinamagazine.it/economia/7826-piuttosto-che-ammazzarmi-non-pago-piu-le-tasse-il-piccolo-imprenditore-sfida-lo-stato-rapace

Nessun commento:

Posta un commento