venerdì 19 dicembre 2014

PAESE CHE VAI, GIUSTIZIA LENTA CHE TROVI - IN INDIA QUATTRO SEGUACI DI UNA SETTA INDÙ VENGONO CONDANNATI ALL’ERGASTOLO PER UN ATTENTATO COMPIUTO 40 ANNI FA

I quattro uomini di età compresa tra 66 e 79 anni sono stati ritenuti responsabili di una strage avvenuta nel gennaio del 1975 a Samastipur (Bihar) durante l'inaugurazione di un progetto ferroviario e che aveva ucciso l’allora ministro delle Ferrovie - E dire che i colpevoli fanno parte di una setta che predica la non violenza…


GIUSTIZIA INDIANAGIUSTIZIA INDIANA
(ANSA) - In un clamoroso caso di 'giustizia lumaca', quattro seguaci di una setta indu' sono stati condannati oggi all'ergastolo per un attentato avvenuto 40 anni fa nel nord dell'India e che aveva ucciso un ministro delle Ferrovie. I quattro uomini di eta' compresa tra 66 e 79 anni sono stati ritenuti responsabili di una strage avvenuta nel gennaio del 1975 a Samastipur (Bihar) durante l'inaugurazione di un progetto ferroviario.

Nell'attacco erano morte tre persone, tra cui il ministro delle Ferrovie L.N. Mishra e provocato 25 feriti. Nel 1979 il caso era stato trasferito a New Delhi su ordine della Corte Suprema e nel 1981 la polizia aveva presentato i capi di imputazione contro i membri della setta indu' Ananda Marg ('La strada della benedizione') che tra l'altro predica la non violenza.

SETTA INDU' ANANDA MARGASETTA INDU' ANANDA MARGA
In seguito, il processo si era arenato e solo due anni fa e' stato avviato dopo un altro intervento del massimo organismo giuridico indiano. Secondo la polizia, l'attentato era stato organizzato per mettere pressione sul governo perche' scarcerasse uno dei leader del movimento spirituale.

Nessun commento:

Posta un commento