sabato 6 dicembre 2014

Mafia Capitale. Diotallevi intercettato: “Il capo di tutti è ancora Totò u’ Curtu”

Totò Riina ha ragione a non capire-Redazione- Nell'inchiesta su Mafia Capitale finisce anche il nome di Totò Riina, ritenuto ancora il Capo dei Capi, il referente di ogni organizzazione criminale italiana.
A rivelarlo è un'intercettazione del dicembre 2012: Leonardo Diotallevi, figlio del boss della Magliana Ernesto -ufficiale collegamento tra la banda capitolina e Cosa Nostra siciliana- chiede al padre chi sia "il super boss dei boss, quello che conta più di tutti?” "Teoricamente so’ io", è la risposta. "Teoricamente , materialmente conta Giovanni”. Il riferimento è a Giovanni De Carlo, arrestato martedì nell'ambito dell'operazione del Ros. Ma Diotallevi Junior si riferisce ad altro: "No a Roma, non dico a Roma: in generale, in Italia". Immediata la risposta del padre: “Ma per me, rimane Riina, chi vuoi che sia? Riina”.
“La conversazione induce a ipotizzare che gli interlocutori abbiano fatto riferimento all’organizzazione criminale Cosa Nostra, che ancora vede a capo, nonostante sia detenuto, Salvatore Riina, per la regola per la quale in seno a tale organizzazione le qualifiche di  uomo d’onore  e le eventuali cariche all’interno dell’organizzazione permangono a vita”, spiega il gip Flavia Costantini nell’ordinanza di custodia cautelare. 

http://www.articolotre.com/2014/12/mafia-capitale-diotallevi-intercettato-il-capo-di-tutti-e-ancora-toto-u-curtu/

Nessun commento:

Posta un commento