lunedì 1 dicembre 2014

Guardia giurata si uccide nella metro: aveva paura di perdere il lavoro

suicidio-pistola-alla-testa-Redazione-"Se perdo il lavoro è la fine, sono disperato". Lo aveva detto qualche giorno prima di uccidersi, ai colleghi, Ivan De Vitis, trovato senza vita all'interno dei bagni della stazione metro Barberini, a Roma.
De Vitis, guardia giurata 42enne, a fronte della difficile situazione di La Città di Roma Metronotte, azienda per la quale lavorava e coinvolta in un'inchiesta della Dia, ha deciso di farla finita: si è sparato in testa con la pistola d'ordinanza. A trovare il corpo, un'operatrice dell'Atac, insospettitasi dal sangue che scorreva sotto la porta dei bagni.
La guardia giurata ha lasciato due lettere: una indirizzata al fratello, l'altra era in tasca. In esse si dichiarava dispertato per la situazione lavorativa.

http://www.articolotre.com/2014/12/guardia-giurata-si-uccide-nella-metro-aveva-paura-di-perdere-il-lavoro/

Nessun commento:

Posta un commento