lunedì 1 dicembre 2014

EBREI DANNO ALLE FIAMME SCUOLA MISTA: “NO ALL’INTEGRAZIONE” – FOTO


Una scuola mista frequentata da più di 600 allievi arabi ed ebrei di Gerusalemme è andato in fiamme nella notte di sabato.
Un’indagine della polizia ha messo in evidenza che il fuoco è stato appiccato intenzionalmente dall’interno della scuola.
La scuola la più grande istituzione culturale mista ‘arabo-ebraica’ in Israele.  Oltre al fuoco, sulla scuola sono apparsi anche graffiti in ebraico con slogan come “Non si può convivere con un cancro”, “Kahane aveva ragione “,” Basta con l’integazioe” e ” Morte agli arabi”.
Subito, un rappresentante della ‘sinistra’ locale, il partito Meretz, ha commentato: “Questo è il risultato diretto del disegno di legge ‘sullo Stato etnico’, che dà legittimità a danneggiare il tessuto delle relazioni tra ebrei e arabi”. Non è vero, i danni li fa chi pretende di mischiare ciò che non è possibile mischiare, dando vita ad esplosioni di violenza. Divisi possiamo stare in pace, ognuno nella propria terra: questo vale sempre, anche per noi in Italia. 
Gli Ebrei sanno che ‘integrazione’ altro non significa che annichilimento di due culture. E’ come un genocidio con altri mezzi. E’ il genocidio che hanno in serbo le élites per tutti i popoli della terra: per creare un amalgama indistinto che faccia da sostegno al nuovo ordine mondiale. Che non è qualcosa di astratto, e nemmeno di tanto misterioso, visto che sta avvenendo sotto i nostri occhi addormentati.
Dobbiamo proteggere le differenze, che sono minacciate più dagli integrazionisti che dagli opposti estremismi, integrazionisti che sono al soldo della lobby globalista: non è un caso, che Soros finanzi la ‘scolarizzazione degli zingari’ nelle scuole italiane. Ci vogliono eliminare per ‘assimilazione’, farlo nel modo tradizionale sarebbe troppo ‘eroico’ per vigliacchi come loro.
Oggi, che vuole sterminare i popoli, parla di integrazione.

http://voxnews.info/2014/11/30/ebrei-danno-alle-fiamme-scuola-mista-no-allintegrazione-foto/

Nessun commento:

Posta un commento