venerdì 12 dicembre 2014

DIVI IN FUGA DALLA SONY PICTURES - DOPO IL COLPO DEGLI HACKER, LA SONY HA PERSO LA FACCIA - LO SGUARDO DI ANGELINA JOLIE CHE INCONTRA LA BOSS DELLA SONY AMY PASCAL, DOPO AVER SAPUTO DI ESSERE DA LEI CONSIDERATA “UNA RAGAZZINA VIZIATA CON POCO TALENTO”

C’è un danno economico, di centinaia di migliaia di dollari, e un danno di immagine che forse è ancora più grave e rischia di affondare una delle major di Hollywood - La capa Amy Adams viene data in uscita, più che per le opinioni sugli attori (umiliati e furiosi), per le battute razziste su Obama...


Da "il Foglio"

sony ha vietato la stampa alla premiere mondiale di the interview film con seth rogen e james francoSONY HA VIETATO LA STAMPA ALLA PREMIERE MONDIALE DI THE INTERVIEW FILM CON SETH ROGEN E JAMES FRANCO
Angelina Jolie? “Una ragazzina viziata con un talento minimo”. Adam Sandler? “Perché lo stiamo ancora pagando?”. Secondo il Washington Post, il più grande attacco hacker della storia contro una corporation, quello subìto pochi giorni fa dalla Sony Pictures, succursale cinematografica americana della compagnia giapponese, è uno di quelli da cui non ci si riprende per molti anni, forse per sempre.

angelina jolie incontra e gela amy pascal di sonyANGELINA JOLIE INCONTRA E GELA AMY PASCAL DI SONY
Non tanto per il danno economico, quanto perché gli hacker hanno colpito il patrimonio più importante per una casa di produzione cinematografica, la sua reputazione. Si favoleggia che ad attaccare Sony siano stati degli hacker pagati dal regime nordcoreano di Kim Jong-un per vendicarsi di un film satirico in uscita a breve. Il governo di Pyongyang ha smentito il suo coinvolgimento, e l’attacco è stato rivendicato da un gruppo di hacker che si fa chiamare Guardiani della pace.

angelina jolie e amy pascal prima del sony leakANGELINA JOLIE E AMY PASCAL PRIMA DEL SONY LEAK
Tutti in Asia parlano di Kim, ma in America il danno è molto più grave. Gli hacker dicono di aver rubato 100 terabyte di dati, tanti da occupare almeno un centinaio di hard disk di medie dimensioni, e di avere preso film non ancora usciti, sceneggiature inedite, i dati dei dipendenti, i numeri della social security di migliaia di persone, le email provate, gli elenchi delle paghe (mostruosamente alte) di manager e attori.

scott rudinSCOTT RUDIN
C’è un danno economico, quantificato in centinaia di migliaia di dollari, e un danno di immagine che forse è ancora più grave e rischia di affondare una delle major di Hollywood. Nel mondo dorato dello spettacolo, leggere le email dei dirigenti di una grande casa di produzione che si insultano come in un qualunque ufficio e poi insultano gli attori incensati in pubblico (il commento su Jolie viene da uno scambio di email rabbioso tra la vicepresidente Amy Pascal e il produttore Scott Rudin) è un danno più grave di qualunque computer messo fuori uso.
Barack ObamaBARACK OBAMA

james franco e seth rogen in the interviewJAMES FRANCO E SETH ROGEN IN THE INTERVIEWkevin hartKEVIN HART
Dentro alla Sony dicono che dopo la pubblicazione dei dati personali la gente è “impazzita”; fuori dalla Sony gli attori presi di mira cercano le clausole di rescissione dei loro contratti.

Nessun commento:

Posta un commento