domenica 7 dicembre 2014

Berlusconi propone l’addio all’euro: “Emettiamo una moneta nazionale”

berlusconi-Redazione-Non molla, Silvio Berlusconi. Lo annuncia lui stesso, intervenendo telefonicamente ad una convention organizzata dai club di Forza Italia a Palermo: "Sono in pista, sto lavorando perché credo sia doveroso nella situazione attuale ritornare a interessarci a tempo pieno del nostro Paese, del futuro della democrazia che non c’è", ha infatti dichiarato, sottolineando come sia importante "riportare Forza Italia presente tra la gente e che in tutti i Comuni si dia il via a una rinascita, una rifondazione del partito con tutte quelle campagne che metteremo in campo per le prossime elezioni nazionali».
«Renzi ha fatto pagare agli anziani una parte degli 80 euro che ha dato come mancia, ha aumentato il prelievo fiscale sui depositi in banca e la tassazione sulla casa", ha proseguito, evidenziando che "quando noi siamo stati al governo abbiamo aumentato la pensione ad un milione ed ottocentocinquantamila pensionati».
"Avete visto lo scempio di Roma", ha proseguito ancora, riferendosi a Mafia Capitale. "Non possiamo accettare che la città più antica del mondo, la nostra capitale possa essere gestita ancora da chi è compromesso da quanto è accaduto. Si devono tutti dimettere, occorre indire nuove elezioni per dare a Roma gestione di assoluta trasparenza ed onestà, cosa che oggi non c’è".
Ma, soprattutto, Berlusconi si scaglia contro i media: "Abbiamo a che fare con una stampa ostile, che disinforma", ha tuonato. "Le televisioni sono diventate inguardabili, con questi programma di approfondimento dove la gente si parla addosso e io non riesco a guardarli". Persino sul patto del Nazareno: "Tutte le storie che si raccontato sono veramente scandalose", ha dichiarato. "Abbiamo in mente un modo di governare il Paese che è quello delle grandi democrazie".
"Ritengo che andare verso un bipolarismo sia una cosa assolutamente da perseguire", ha continuato l'ex premier. "Se poi arriva un signore che con grande abilità è diventato il leader del Pd, e da non comunista ci presenta un progetto uguale al nostro, io, per il bene del Paese e per ragioni di coerenza, non posso che votarlo. Il patto del Nazareno è solo questo".
Berlusconi, infine, punta a conseguire il favore dei no-euro: "Pensiamo all'emissionedi una seconda moneta, una moneta nazionale e il cambio con l’euro sarà il mercato a deciderlo, ma intanto stamperemo moneta", ha infatti proposto, concludendo.

http://www.articolotre.com/2014/12/berlusconi-propone-laddio-alleuro-emettiamo-una-moneta-nazionale/

Nessun commento:

Posta un commento