mercoledì 10 dicembre 2014

Allarme clima: il Mezzogiorno presto come l’Africa

Inventato lo spray che combatte la siccità-Redazione- Il rischio è tutt'altro da prendere sotto gamba: a colpa delle estati e degli inverni sempre più aridi e secchi, il Mezzogiorno potrebbe diventare come il Nord Africa. Il cambiamento climatico potrebbe avere conseguenze devastanti sull'intero pianeta, in quanto potrebbe provocare di fatto lo "spostamento" del clima mediterraneo in altre zone del mondo.
Il rischio, che riguarda anche Grecia, Turchia e Spagna, è stato delineato dalricercatore dell'Enea Andrea Alessandri, che ha compiuto uno studio approfondito assieme a prestigiosi istituti di ricerca esteri.
Gli stravolgimenti, ha spiegato, vengono "mostrati grazie all'utilizzo delle più aggiornate proiezioni climatiche effettuate con i modelli numerici che sono in grado di 'accoppiare' le simulazioni atmosferiche con quelle degli oceani". "La novità di quest'analisi", ha proseguito, "è che per la prima volta viene fornita chiara evidenza, nelle proiezioni climatiche del 21mo secolo, della tendenza allo 'spostamento' del clima Mediterraneo verso le regioni del Nord e del Nord Est e il progressivo inaridimento delle attuali aree mediterranee più meridionali".
Lo spostamento del clima, di fatto, comporterebbe una forte riduzione delle precipitazioni estive e invernali, con conseguente inaridimento del suolo con ciò che ne implica: influenze negative sugli ecosistemi, sulla produzione agricola, sulla disponibilità di acqua e sulle attività industriali che dipendono dalla disponibilità idrica. Quindi, sull'economia e sulla salute.
E non finisce qui: nelle aree più settentrionali, l'incremento di piogge invernali e l'aumento di siccità in estate potrebbe dar vita ad allagamenti e alluvioni più frequenti nelle stagioni fredde e, viceversa, aridità e incendi in quelle calde.

http://www.articolotre.com/2014/12/allarme-clima-il-mezzogiorno-presto-come-lafrica/

Nessun commento:

Posta un commento