domenica 14 dicembre 2014

1. SCORDATEVI LE ORGE DELLE PUSSY RIOT, SCORDATEVI LE FASTIDIOSE FEMEN CON LE ZINNE AL VENTO. OGGI DAVANTI AL PARLAMENTO DI WESTMINSTER È ANDATA IN SCENA #PORNPROTEST LA PIÙ GRANDE MANIFESTAZIONE ANTIPROIBIZIONISTA DEGLI ULTIMI TEMPI - 2. BERSAGLIO DELLA PROTESTA, CON TANTO DI SIMULAZIONE IN PIAZZA DI ATTI SESSUALI, LA LEGGE CHE PROIBISCE MOLTE PRATICHE, CONSIDERATE "VIOLENTE E SESSISTE", DAI FILM PER ADULTI GIRATI IN GRAN BRETAGNA. DAL “FACESITING” ALLO SCULACCIAMENTO - 3. CHARLOTTE ROSE, ORGANIZZATRICE DELLA PROTESTA: “COME È POSSIBILE CHE VADA BENE SE UN UOMO SOFFOCHI UNA DONNA CON UNA FELLATIO, MA UNA DONNA NON POSSA GODERE D’UN CUNNILINGUS ATTRAVERSO IL FACESITTING? E’ ASSOLUTAMENTE SCANDALOSO” - 4. “NON SOLO E' UN PROBLEMA ECONOMICO PER LE AZIENDE DEL PORNO E UN PROBLEMA, SOPRATTUTTO, PER LA LIBERTA' DI TUTTI. GLI ATTI PROIBITI SONO ASSOLUTAMENTE LEGALI" -




imageIMAGE
1. GB: PORNOSTAR PROTESTANO A WESTMINSTER CONTRO CENSURA NEI FILM 'HARD'
(AGI) - Una colorita manifestazione di protesta di 200 lavoratori dell'industria del porno e delle associazioni di prostitute e lavoratrici del sesso e' andata in scena davanti a Westminster. Bersaglio della protesta, con tanto di simulazione di atti sessuali, la legge voluta dal governo conservatore di David Cameron e varata dal Parlamento che proibisce molte pratiche, considerate "violente e sessiste", dai film per adulti girati in Gran Bretagna.

La manifestanti, alcune delle quali in costumi "di scena", circondate da altrettanti giornalisti, hanno issato cartelli e messo in atto una "performance" di "facesitting", in cui decine di persone si sono sedute sulle facce di altrettanti volontari (pratica anche questa definita "umiliante" dai parlamentari che hanno approvato la legge).

image (1)IMAGE (1)
"Siamo qui per spiegare che non saremo silenziosi - ha spiegato all'AGI Charlotte Rose, organizzatrice della protesta - e che non ci possono censurare senza il nostro consenso. Gli atti ora proibiti sono assolutamente legali e molte persone li praticano in casa, solo che ora non sara' piu' possibile metterli in scena in video commerciali o nelle performance dei locali per adulti. E questo e' un problema economico enorme per le aziende del porno e un problema, soprattutto, per la liberta' di tutti".

Rose oggi e' stata quella che piu' ha urlato. "Chi mi dice che quello che piace a me e che faccio con una persona adulta e consenziente sia illegale? Me lo devono dire i parrucconi del parlamento?", ha aggiunto Rose, che si definisce "sex worker e madre felice" e che ha organizzato la protesta attarverso Facebook e Twitter.
facesitting a westminster 9FACESITTING A WESTMINSTER 9

 Davanti alla House of Lords oggi sono stati simulati anche tanti altri atti sessuali, in un "inno alla liberta'" che chi lavora con il sesso ha urlato proprio mentre dentro al parlamento di Westminster si discutevano alcune correzioni da apportare alla legge, che comunque e' gia' in vigore e che bandisce anche pratiche come lo sculacciamento o l'espletazione di bisogni fisiologici.

Nel pomeriggio Rose e' stata ricevuta dai rappresentanti del Partito liberaldemocratico, chefa parte della maggioranza ma e' tendenzialmente contrario ala nuova legge. "Ci dicono che questa e' una legge contro il sessismo e contro la violenza", ha concluso la promotrice della giornata piu' movimentata di Westminster degli ultimi anni, "ma in realta' non fara' altro che far chiudere molte attivita' economiche e molte lavoratrici del sesso si ritroveranno in balia delle sole proprie forze e finiranno in mezzo a una strada".

facesitting a westminster 8FACESITTING A WESTMINSTER 8
2. “SIT ON MY FACE”, WE ARE ALL PUTTANE. PROTESTA INGLESE CONTRO IL PORN. CORR.
Giulia Pompili per "il Foglio"

Il nome Charlotte Rose non vi dice niente (molti di voi mentono, magari). Ma nell’industria del porno anglosassone la Rose è piuttosto famosa. E adesso è diventata una leader, almeno per quel centinaio di persone che oggi si riuniranno davanti a Westminster e che metteranno in scena la più grande manifestazione antiproibizionista degli ultimi tempi.

La Rose l’ha chiamata – senza molti giri di parole – #PornProtest. Scordatevi le orge delle Pussy Riot, scordatevi le fastidiose Femen. Davanti a Westminster oggi si protesta contro una legge specifica, e non sarà un semplice presidio.
facesitting a westminster 7FACESITTING A WESTMINSTER 7

I manifestanti infatti si produrranno nel “più numeroso facesitting contemporaneo della storia” (chiamato in causa dalla stessa Rose, il Guinness dei primati ha declinato l’invito, data “la natura della manifestazione”). Ah, per chi se lo stesse chiedendo, il facesitting è una pratica sessuale diffusa che consiste nel sedersi sulla faccia del partner.

Ed è una delle attività vietate nei porno da una recente legge inglese: con un emendamento al Communication act del 2003, dall’inizio di dicembre è entrato in vigore in Inghilterra un regolamento sui servizi dei media audiovisivi che include come oggetto di censura anche i film a luci rosse on demand – nell’èra di internet e della tv digitale, praticamente il più ampio mercato possibile.
facesitting a westminster 6FACESITTING A WESTMINSTER 6

Finora la scure del British Board of Film Censors si era abbattuta solo sui Dvd, quelli che si comprano nei sexy shop. Adesso invece anche i filmetti destinati alla rete dovranno seguire alcune regole dettagliatissime che riguardano il sadomasochismo, la sottomissione e la dominazione: lo spanking (una specie di sculacciata energica), le frustate al di là di un certo livello; la penetrazione con qualsiasi oggetto che possa essere “associato alla violenza”, il fisting (la profonda penetrazione di arti altrui), l’abuso fisico o verbale, anche se consensuale, la rappresentazione del sesso non consensuale; la minzione in vari contesti sessuali e l’eiaculazione femminile.

E poi ci sono tutte quelle attività che possono essere vissute dallo spettatore come vicine al “pericolo di vita”, tra cui lo strangolamento e, appunto, il facesitting. Durante la protesta – ovvero mentre tutte le donne presenti siederanno sulla faccia dei rispettivi partner per ribadire la libertà individuale garantita anche per il piacere sessuale e la libertà di usare una telecamera per riprendere certe attività – i presenti canteranno “Sit on my face” dei Monty Python.
facesitting a westminster 5FACESITTING A WESTMINSTER 5

“Dobbiamo far presente all’Amministrazione che questo provvedimento non è accettabile”, ha detto la Rose a BuzzFeed, “come è possibile che vada bene se un uomo soffochi una donna con una fellatio, ma una donna non possa godere d’un cunnilingus attraverso il facesitting? E’ assolutamente scandaloso”.

Nel 2013 Charlotte Rose è finita sulle colonne del Daily Mail (che la segue con una certa assiduità, a dire il vero) per essere stata nominata “Sex worker of the Year”, un premio tutto inglese dedicato a chi si occupa dell’erotismo. Ha lavorato per Channel 4 in una serie tv dedicata alle escort, “Love for sale”, condotta da Rupert Everett. Da allora è diventata una delle più famose escort d’Inghilterra – almeno 250 euro per un’ora passata con lei.

facesitting a westminster 4FACESITTING A WESTMINSTER 4
Charlotte però preferisce definirsi un’allenatrice (“sex trainer”) e sente molto sua la causa della pornografia, (“molta gente viene a trovarmi solo per guardarmi”), della liberazione sessuale, della legalizzazione della prostituzione (“detesto l’idea di dover accalappiare clienti fuori da un bar. E’ sporco, squallido e non si ottiene la stessa soddisfazione sessuale di quando si incontra qualcuno sobrio”, dice).

Fornisce prestazioni sessuali a pagamento anche ai disabili (“tutti hanno diritto a fare sesso”) e recentemente ha iniziato dei suoi corsi di formazione sessuale per le coppie (“purtroppo le coppie inglesi non comunicano e non sono aperte in camera da letto. Per questo vengono da me”).
facesitting a westminster 36FACESITTING A WESTMINSTER 36

Su internet il suo canale YouTube è una specie di manuale di istruzioni per le escort: come pagare le tasse, quello che puoi dichiarare, salute e igiene, la sicurezza nei giochi di dominazione, come truccarsi, come farsi pubblicità, etc. Nel luglio scorso finì sui giornali perché confessò, in un’intervista al magazine Echo, che dopo aver vinto il premio di Sex worker fu cacciata malamente dalla sua casa di Exeter, nel Devon, in Inghilterra, dove si era trasferita nel 2003 con i suoi due figli adolescenti.

facesitting a westminster 35FACESITTING A WESTMINSTER 35
Il motivo? Il vicino di casa non voleva una prostituta alla porta accanto. La cosa la segnò a tal punto che Charlotte decise di far diventare la sua lotta contro il pornograficamente corretto (meglio se abbreviato in porn. corr.) una battaglia pubblica. Qualche mese fa si è candidata nella circoscrizione elettorale di Rochester and Strood, perdendo di misura (ha avuto 56 preferenze). Archiviata la sconfitta, Charlotte ha trovato oggi un nuovo motivo per esistere pubblicamente: il facesitting. 
http://www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/scordatevi-orge-pussy-riot-scordatevi-fastidiose-femen-90609.htm

Nessun commento:

Posta un commento