mercoledì 19 novembre 2014

Voce clamorosa, l'Euro è sotto attacco: "La moneta unica ha i mesi contati"

Voce clamorosa, l'Euro è sotto attacco: "La moneta unica ha i mesi contati"

La moneta unica europea rischia di restare stritolata: "Da un lato - scrive il Giornale - la crisi economica e la crescita dei movimenti euroscettici, dall'altro una vera e propria macchinazione orchestrata dall'alta finanza extra - comunitaria (sopratutto Usa) per eliminare una valuta considerata "ingombrante" nell'assetto globale"


La voce ha del clamoroso: la borsa di Wall Street si prepara a drenare quanta più ricchezza privata possibile e affondare la moneta unica.
Le indiscrezioni che secondo alcuni quotidiani, come il Giornale, trapelano dai vertici della finanza mondiale dicono che i prossimi mesi sarebbero decisivi per le sorti dell'euro.
La moneta unica europea rischia di restare stritolata: "Da un lato - scrive il quotidiano - la crisi economica e la crescita dei movimenti euroscettici, dall'altro una vera e propria macchinazione orchestrata dall'alta finanza extra - comunitaria (sopratutto Usa) per eliminare una valuta considerata "ingombrante" nell'assetto globale".
L'offensiva Usa contro la moneta unica verrebbe a galla riflettendo sul fatto che, nei tanto famigerati stress test, i crediti in sofferenza o inesigibili vengono fatti pesare molto di più rispetto ai derivati. Con il risultato di penalizzare le banche commerciali a vantaggio di quelle finanziarie, salvando numerose banche tedesche come le Landsbank.
A Wall Street starebbero solo attendendo il momento migliore per sferrare l'attacco decisivo:forse succederà nel periodo natalizio.
La Germania stessa è convinta che Mario Draghi voglia drenare ricchezza dagli Stati forti europei per poi sancire la fine della moneta unica e offrire un piatto ancora più ricco ai suoi referenti d’oltreoceano.


http://www.today.it/rassegna/fine-euro-2015.html 

Nessun commento:

Posta un commento