lunedì 24 novembre 2014

Speciale belle età: 50 anni, rigenerare

Ma non solo: levigare e tonificare pelle e tessuti. gli aiuti non mancano: dai cibi proteici ai massaggi litfanti, alla biorivitalizzazione. e tutti i giorni, creme e sieri 

nutrienti





509247505

bell antiage_HR183363
bell antiage_HR183359
bell antiage_HR183356
bell antiage_HR183353
bell antiage_HR183349
bell antiage_HR183338

  • Idratante e nutriente di notte, quando la pelle è più ricettiva, leviga, riduce le macchie e uniforma il colorito. Inoltre, grazie al profumo rilassante, concilia il sonno, l’antiage per eccelenza: Haute Exigence Nuit di Clarins (103 euro).
  • Come prendersi cura della pelle a 50 anni? Parole d'ordine: rigenerare, levigare e tonificare pelle e tessuti. Con cibi proteici, massaggi litfanti, biorivitalizzazione e tutti i giorni, creme e sieri nutrienti. Ecco i consigli delle esperte:
    Per la nutrizionista
    «Per mantenere la tonicità, i cibi alleati sono quelli proteici: pesce grasso o carne magra, da accompagnare sempre con verdure crude ricche di vitamina C per favorire l’assimilazione del ferro, minerale necessario alla produzione di emoglobina che trasporta ossigeno ai tessuti», osserva la dottoressa Flachi. «Il selenio, minerale antiossidante contenuto nel pesce, nella carne e nei cereali integrali, aiuta a conservare l’elasticità della cute. ma non dimentichiamo che la prima regola per invecchiare in bellezza è ridurre le calorie, perché più ne introduciamo, più i radicali liberi proliferano, mettendo a repentaglio la salute e la giovinezza della nostra pelle». 
    Il parere del medico estetico
    «I volumi scivolano verso il basso mentre l’epidermide diventa ancor più sottile e secca: per rimediare sono basilari le sedute di biorivitalizzazione e nel cocktail iniettato deve predominare l’acido ialuronico, che idrata in profondità perché richiama acqua nella cute», spiega Donati. «nella beauty routine quotidiana si utilizzano creme a base di idrossiacidi per esfoliare, stimolare il turnover cellulare, prevenire la formazione di macchie e discromie che, se già presenti, possono essere cancellate con peeling e qualche seduta di laser. un errore molto comune è ridurre l’assunzione di proteine che, invece, sono necessarie alla tonicità e al turgore». 
    L'endocrinologa dice...
    «Dopo la menopausa, il contenuto in collagene della pelle diminuisce e la cute diventa secca e sottile», spiega la dottoressa Piloni. Per compensare, chi dice no alla terapia ormonale sostitutiva può provare la bhrt (bio-identical hormonal replacement Therapy), alternativa naturale che unisce estriolo, progesterone naturale, dhea, testosterone propionato, fitoestrogeni e fitoprogestinici. L’estriolo nasce dalla placenta e si può usare anche come crema per ottenere un effetto tensivo e tonico. Il dhea, invece, prescritto dal medico in opportuni dosaggi, rende la pelle meno sottile e più idratata, con una produzione di sebo migliore. Infine, i fitoestrogeni (tratti da trifoglio rosso, soia, semi di lino, luppolo e salvia) si prendono inserendo nei menù quotidiani fagioli di soia, tofu, pasta di soia e olio di lino». 
    In istituto
    «Ora bisogna agire su due fronti: sollecitare la muscolatura e promuovere l’elasticità cutanea», suggerisce Joanna Hakimova. «La ginnastica facciale è il metodo migliore per rassodare i muscoli: va fatta tutti i giorni lungo l’arco della giornata (a casa, in auto, alla fermata del bus) per 25 minuti totali. Poi massaggi per restituire elasticità ai tessuti: riattivano circolazione sanguigna e linfatica e promuovono lo scambio cellulare stimolando il nutrimento delle cellule. Il problema sono le rughe d’espressione? Sì a trattamenti (da sei a dieci sedute) con sostanze naturali botox like come le alghe. E se c’è un cedimento strutturale percorsi con acido alfa lipolico e fitoenzimi biostimolatori». 
    Come un lifting
    Per ottenere una pelle levigata e compatta si può provare Skinesis Signature, il soin antiaging firmato da Sarah Chapman (da 180 euro). Personalizzato in base alle singole esigenze, favorisce l’ossigenazione, stimola il flusso sanguigno e il drenaggio linfatico del viso grazie a tecniche miste di massaggio unite a gym facciale che lavora sui muscoli. I passaggi: detersione e peeling a base di acidi lattici ricchi di cellule staminali vegetali, poi formule a base di peptidi e vitamina A e acido ialuronico e infine una maschera calco dalla forte azione antietà. Un indirizzo dove provarlo: la spa dell'Hotel Four Season a Milano.
http://www.elle.it/Bellezza-Beauty/Age-Issue/speciale-belle-eta-50-anni-rigenerare#7


Nessun commento:

Posta un commento