lunedì 10 novembre 2014

Social network e gelosie: così la famiglia si frantuma

sindrome di astinenza da social network-Andrea Cermelli- Come da piccole cose possono nascere grandi cose, da piccole idee possono nascere grandi desideri e, in molti casi, delle vere e proprie attività. Attività tecnologiche che portano ad una sola parola che accomuna la gente: evoluzione.
Una parola a cui oggi non si può farne a meno, ma che sicuramente in certi casi non fa che far alterare la natura della psiche della gente. Dalle lettere cartacee si è passati alle email, dal voler e poter esprimere le proprie idee di persona si è passati ai post su facebook, e così via: si è scivolati in un'epoca in cui pure le utilità come le pagine bianche e le pagine gialle ormai sono sotto forma di app.
Tutto questo è ovviamente un punto a favore dei social network, che hanno sempre più utenti, persone che magari non si conoscono neanche ma che si aggiungono tra loro pur di aver qualche "amico" in più. Un'ingordigia di contatti il cui unico scopo è quello di sentirsi più realizzati vedendo il gran numero di amici presenti nella sua lista. Tutto ciò ha però effetti tutt'altro che benefici, ma che non portano a nessuna conclusione, se non a far chiudere ulteriormente le persone dentro sé.
E così che si rischia di cadere nel danneggiamento di rapporti, a causa di invidia e gelosia che, a lung'andare potrebbero portare a rotture, anche in famiglia, dove spesso sono dovute a condizioni particolari in cui manca la giusta armonia. In queste condizioni, poi, il soggetto si trova in uno stato di confusione.
Purtroppo la gelosia e l'invidia nascono più spesso nelle famiglie di una volta, dove si è in un ambiente di due o più fratelli, che, se di sesso opposto, tendono ad avere pure un gran numero di motivo e fattori per cui essere puntualmente discordi.
Sicuramente non si può dar tutta la colpa ai social network, ma di certo essi influiscono sul modo di essere e di esprimersi in una persona, tanto più che i ragazzi ormai sembrano preferir parlare attraverso i propri dispositivi mobili piuttosto che faccia a faccia con gli amici.
Alcuni dati sottolineano come, dal 2007 ad oggi, le famiglie separate abbiano raggiunto una cifra esorbitante,  mentre sono oltre 27mila i soggetti che hanno preferito, per evitare ulteriore stress, allontanarsi dal proprio nucleo familiare pur di non restare in contatto con persone che non considerano mai gli altri, o se lo fanno,  lo fanno per il proprio interesse o per critica nei confronti altrui.

http://www.articolotre.com/2014/11/social-network-e-gelosie-cosi-la-famiglia-si-frantuma/

Nessun commento:

Posta un commento