sabato 22 novembre 2014

Renzi: bonus, un pò sotto silenzio, anche per gli immigrati

bonus-Redazione- Non un "estensione", si è affrettato a precisare il Tesoro, ma una "conferma".
 Questioni di senso, significato e, evidentemente, di polemiche.
 Perché la decisione del governo di "confermare" la social card ai cittadini extracomunitari di polemiche, e confusione, ne aveva creata parecchio. Tutto nasce da un emendamento dell'esecutivo alla legge di Stabilità, in materia di "carta acquisti".
 Si legge nella relazione tecnica: "La mancata approvazione della proposta comporterebbe il recupero dei contributi già erogati nei primi tre mesi di quest'anno e non consentirebbe di pagare a Poste i compensi previsti per il servizio comunque prestato per assicurare la continuità del programma".
Un giro di parole abbastanza lungo e contorto per dire che l'emendamento del governo sana esclusivamente il periodo gennaio marzo 2014 e non "modifica i criteri per l'accesso alla prestazione".
 Nella pratica, quindi, resta tutto uguale alla scorsa legge di stabilità quando, forse un po' sotto silenzio, si era già deciso di estendere la social card agli immigrati che ne hanno diritto. 
Evidentemente cambia poco o nulla: l'emendamento dell'esecutivo decide, questa volta con un po' più di "pubblicità", che i migranti che godevano della carta acquisti continueranno – proprio come i cittadini italiani – a goderne.
Per tutti loro quaranta euro al mese – una sorta di "bonus Renzi" a metà – erogati ogni due mesi con una ricarica da ottanta

http://www.articolotre.com/2014/11/renzi-bonus-un-po-sotto-silenzio-anche-per-gli-immigrati/

Nessun commento:

Posta un commento