martedì 18 novembre 2014

Quattro passi nel Delrio

renzi_delrioSiamo messi malissimo e andremo sempre peggio. Non abbiamo scampo dalla pioggia, dai cambiamenti climatici, dagli errori del passato, ma soprattutto da una mentalità ormai così deforme da vedere nelle regole e nella legalità la radice del malgoverno. Dopo un mese di drammi, allagamenti e assenza totale dell’esecutivo, il braccio destro di Renzi ha surrogato il vigliacchetto di Rignano, timoroso delle uova, in una visita pastorale alle città allagate. E questa triste maschera che incarna il denso fumo del declino italiano, oltre a dare il magnanimo permesso ai Comuni di indebitarsi per rabberciare alla meglio i guasti, non ha trovato di meglio da dire se non: “Uno Stato serio deve essere al fianco di coloro che ripristinano la sicurezza dei cittadini senza il timore di essere inquisiti o di non avere risorse. Le leggi esistono, ma prima viene la sicurezza delle persone”.
Ecco vedete, Genova va sott’acqua ogni anno, Carrara viene inondata ad ogni temporale, il territorio di intere regioni si sfalda non a causa dell’abusivismo, della leggerezza e degli interessi opachi con cui vengono affrontati i piani urbanistici e territoriali, non della disattenzione ambientale, delle lobby cementizie e della corruzione diffusa, bensì di leggi e regole che evidentemente (questo è il chiarissimo retro pensiero) costituiscono lacci e lacciuoli per il regime di affarismo dichiarato. Così naturalmente si fanno gli argini di polistirolo su quali si può lucrare a più non posso con la felicità di tutti, salvo quella degli alluvionati.
Forse Delrio tremens si riferiva alla vicenda dei lavori sul Bisagno,  impediti da un ricorso al Tar cui va soggetta la maggioranza delle gare, perché il loro meccanismo ( che naturalmente  ci si guarda bene dal cambiare) è funzionale al regime tangentizio e non certo all’efficienza e tanto meno al bene pubblico. Eppure già da mesi è saltato fuori che in realtà i lavori avrebbero potuto riprendere visto che il Tar del Lazio aveva respinto i ricorsi delle ditte escluse. Però sia il Gerundio di Genova che Renzi se ne sono fregati. Tutto questo va poi inserito in una vicenda grottesca e indegna: già nel 1974 Ciriaco De Mita, allora ministro dell’industria aveva definito il Bisagno un’ “emergenza nazionale”. Verrebbe da ridere se la rabbia non fosse troppa.
Ma insomma è fin troppo chiara la tesi aurea del renzusconismo: le regole delle gare d’appalto non le cambiamo perché sarebbe un grave colpo all’edilizia residenziale privata in favore della razza padrona locale o nazionale, ma possiamo fare a meno delle regole, agire sempre in deroga e in emergenza, affidando il Paese, la sicurezza dei cittadini, i beni comuni nelle mani  dello spirito di clan politico – affaristico. Del resto è questo la logica dello Sblocca Italia, resa appena appena un po’ risibile dalla vicenda della Tav Torino Lione i cui costi sono triplicati fra gli incensi dei loro fautori. Peccato che lo diceva già da anni è stato dichiarato terrorista.

http://ilsimplicissimus2.wordpress.com/2014/11/18/quattro-passi-nel-delrio/

Nessun commento:

Posta un commento