domenica 30 novembre 2014

Quarto Oggiaro, minacce di morte al consigliere pd che denunciò il 'piccolo Vallanzasca'

Non era la prima volta che Fabio Galesi, consigliere di Zona 8 del Partito democratico a Milano, subiva intimidazioni. La solidarietà dell'assessore Majorino: "Noi sappiamo da che parte stare"

Affrontato per strada, colpito e poi minacciato di morte. Non era la prima volta che Fabio Galesi, consigliere di Zona 8 del Partito democratico a Milano, subiva intimidazioni: la sua 'colpa' è di aver denunciato pubblicamente le bravate di 'Pulce', il 17enne già noto alle cronache per la sue imprese criminali a Quarto Oggiaro (vedetta dello spaccio, rapine, fughe dai controlli di polizia condite da lanci nel vuoto dai cornicioni dei palazzi) e le sue fughe dalle comunità che sistematicamente lo ospitano. Martedì mattina Galesi ha incrociato in via Pascarella il padre e fratello del 'piccolo Vallanzasca' (altro nomignolo con cui è conosciuto) ed è stato pesantemente apostrofato. Lui e la nonna, anche lei ritenuta elemento ostile.

"Ti taglio la testa con una sega", è una delle frasi rivolte a Galesi, nel frattempo diventato bersaglio dei lanci di oggetti dal balcone da parte della madre del giovane. Sul posto è arrivata la volante del commissariato di zona, guidato dal vicequestore Antonio D'Urso: il consigliere pd e i gli autori delle minacce sono finiti negli uffici della polizia, dove è stata formalizzata la denuncia. "Dopo essere stato aggredito verbalmente, minacciato di morte con un colpo in fronte insieme con tutta la mia famiglia - spiega Galesi su Facebook - sono in commissariato a presentare denuncia per tutelare i miei familiari. Ma soprattutto mia nonna, che è la vicina di casa di questa famiglia malavitosa". E il prefetto di Milano, Francesco Paolo Tronca, ha immediatamente disposto una "strettissima vigilanza" a protezione di Galesi.

Decine i messaggi di solidarietà postati sulla bacheca del consigliere dem, come quello dell'assessore comunale alla Mobilità, Pierfrancesco Maran ("Noi sulla legalità nei quartieri delle case popolari sappiamo da che parte stare. Fabio Galesi non si tocca. Coraggio, Fabio: un abbraccio alla tua famiglia") e del senatore pd Franco Mirabelli ("Ci sono persone e famiglie che non sono abusivamente nelle case popolari, ma che attraverso intimidazioni e minacce tentano di controllare il territorio impedendo alle persone di vivere liberamente e costringendole a convivere con la illegalità").

E il sindaco Giuliano Pisapia fa sapere attraverso una nota: "Chiunque pensi di intimidire Fabio e tutti noi che vogliamo una città libera e giusta sappia che non riuscirà a raggiungere il suo obiettivo. A Fabio e alla sua famiglia va la vicinanza mia e di tutta la giunta, oltre a un grande abbraccio".

http://milano.repubblica.it/cronaca/2014/11/25/news/quarto_oggiaro_minacce_di_morte_al_consigliere_pd_che_denunci_il_piccolo_valanzasca_-101393519/?ref=nrct-4

Nessun commento:

Posta un commento