domenica 23 novembre 2014

QUANDO ERAVAMO GRANDI ARTISTI – A CAVALLO DEGLI ANNI 60 PIERO MANZONI E ENRICO CASTELLANI ERANO DUE PROFETI DELL’ARTE CONTEMPORANEA CHE SOLO OGGI VENGONO “SCOPERTI” DAI GAGOSIAN GLOBALI A CACCIA DI CAPOLAVORI

Al Guggenheim di Venezia Luca Massimo Barbero ha curato una mostra che ruota intorno alla rivista/galleria Azimuth messa in opera nel settembre 1959 da Manzoni e Castellani. L’avventura durò in tutto 11 mesi, ma ebbe la forza d’un terremoto, costituì un laboratorio che si confrontò in un fitto dialogo con esponenti delle avanguardie europee e americane…


Fiorella Minervino per La Stampa

piero manzoni 5 inaugurazione della mostra personale “linee” di manzoni alla galleria azimut milano dicembre 1959. photo u. lucas.PIERO MANZONI 5 INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA PERSONALE “LINEE” DI MANZONI ALLA GALLERIA AZIMUT MILANO DICEMBRE 1959. PHOTO U. LUCAS.
nel settembre 1959 Piero Manzoni ed Enrico Castellani, due esploratori delle nuove frontiere artistiche, si unirono per dare vita a una rivista d’impostazione teorica e sperimentazione radicale, Azimuth. La pubblicazione (che doveva chiamarsi Pragma) uscì per due soli numeri e venne ben presto affiancata dalla galleria Azimut (nel lettering privata della h) in un seminterrato del centro di Milano messo a disposizione dall’architetto Franco Buzzi.

luca massimo barbero curatore di azimuth 003 8672LUCA MASSIMO BARBERO CURATORE DI AZIMUTH 003 8672
L’avventura durò in tutto 11 mesi, ma ebbe la forza d’un terremoto, costituì un laboratorio tale da trasformare la ricerca italiana Anni Sessanta nel concettuale e nella cultura visiva. Inoltre si confrontò in un fitto dialogo con esponenti delle avanguardie europee e americane. L’obiettivo manifesto era dare l’avvio a «una nuova concezione artistica» che muoveva sul duplice binario di «continuità» e «nuovo».

Nei due numeri gli autori, i giovanissimi Piero Manzoni (1933-63) ed Enrico Castellani (1930) scrissero i testi accanto a personaggi come Francis Picabia, Kurt Schwitters, Gillo Dorfles, Guido Ballo, Tati Sanguineti, Nanni Balestrini, Antonio Porta e altri. Al solo Lucio Fontana furono dedicate due intere pagine monografiche, in una stagione e in una città, la Milano del «miracolo economico», oscillanti tra Arte Nucleare e Spazialismo. Vennero pubblicate opere di Rauschenberg, Yves Klein, Jasper Johns, Tinguely, Vasarely, Burri, Rotella, Arnaldo e Gio’ Pomodoro, Dorazio, Franco Angeli, Sergio Dangelo, e altri.
azimuth ok3AZIMUTH OK3

Inutile dire che oggi alcuni scritti suonano profetici, come incuriosisce l’elenco delle rassegne in galleria, oltre le monografiche dei due protagonisti: Gianni Colombo, Bonalumi, Dadamaino, Enzo Mari, Manfredo Massironi, Biasi e altri. Questo progetto fulmineo e dirompente ritorna in una mostra alla Guggenheim di Venezia. Il curatore Luca Massimo Barbero è partito dalle opere pubblicate dalla rivista o esposte dalla galleria, ne ha riproposte 77 in sei sale che offrono un percorso vorticoso, sovente nel segno del monocromo, fra audacia e irriverenza, fra materiali inconsueti e «oggetti contenitori», un viaggio nel tempo dove non mancano né le scatolette della Merda d’artista di Manzoni, né il suoFiato d’artista o i diversi Achrome, oltre la sua Impronta pollice sinistro che è simbolo e manifesto dell’evento alla Guggenheim.
azimuth guggenheim collection 766x297AZIMUTH GUGGENHEIM COLLECTION 766X297

Ci si sofferma davanti alle possenti tele sagomate, dalle superfici a rilievo , pronte a muoversi ed espandersi di Castellani, come più in là di fronte a Bonalumi, compare poi Robert Rauschenberg e irrompe Jasper Johns con le lattine di birra, i bersagli, i numeri, Mimmo Rotella con le scatolette di olio Shell per Diesel, e si cammina fra la spugna blu di Klein, i chiodi di Uecker.

azimuth ok2AZIMUTH OK2
Ci sono alcuni importanti Fontana, Dadamaino figura con lavori come Volume e moduli sfasati; né mancano i molti documenti storici, cataloghi e inviti disegnati dagli artisti: per la Mostra-azione di Piero Manzoni, il 21 luglio 1960, nell’invito si legge «La S.V. è’ invitata.. a visitare e a collaborare direttamente alla consumazione delle opere esposte di Piero Manzoni»: era questa l’ultima personale a conclusione dell’esperienza.
azimuth piero manzoni img20120412185451643 900 700AZIMUTH PIERO MANZONI IMG20120412185451643 900 700
http://www.dagospia.com/rubrica-31/arte/quando-eravamo-grandi-artisti-cavallo-anni-60-piero-manzoni-89235.htm?utm_source=outbrain&utm_medium=widget&utm_campaign=obclick

Nessun commento:

Posta un commento