martedì 25 novembre 2014

Protesta contro le moschee. A Milano consigliere comunale si presenta con il burqa

Per protestare contro la delibera per la costruzione delle nuove aree di culto nel comune meneghino.
Protesta contro le moschee. A Milano consigliere comunale della Lega si presenta con il burqa-Redazione- Un consigliere comunale della Lega Nord, il segretario milanese Igor Iezzi, è intervenuto, nel pomeriggio di ieri, in aula indossando una sorta diburqa.
Un modo per protestare contro la decisione della maggioranza di centrosinistra di procedere, nell’ambito del bando per l’assegnazione di aree comunali per nuovi luoghi di culto, con il via libera alla costruzione di due moschee in città. 
L’esponente del Carroccio ha letto una finta lettera di ringraziamento di militanti islamisti al sindaco Giuliano Pisapia a al centrosinistra che, per protesta, ha lasciato l’aula. 
"Comunque sia, signor sindaco, non abbia timore. Vada avanti. Ci dia a prezzi da regalo aree dei cittadini milanesi. Tanto, grazie al suo sostegno, a breve ci prenderemo l’intera città. Perché grazie alle vostre leggi democratiche vi invaderemo, grazie alla nostra legge islamica vi domineremo. Allah è grande", ha detto Iezzi, leggendo la finta missiva. 
A protestare è stato anche Riccardo De Corato, vice-presidente del Consiglio comunale e capogruppo di Fratelli d’Italia in Regione Lombardia, secondo il quale "La decisione di Pisapia e del centrosinistra di mettere due moschee a Milano è illegale, sbagliata, vergognosa, lontana dalla realtà, senza controlli e onerosa per i milanesi. Arriveremo anche a rivolgerci alla magistratura e alla Corte dei Conti", ha detto.
"Il tema del diritto di culto per noi non è oggetto di dibattito, non ci sarà alcun dibattito sul se andare avanti": è l'assessore al Welfare, Pierfrancesco Majorino, a chiudere la porta alle proteste.

http://www.articolotre.com/2014/11/protesta-contro-le-moschee-a-milano-consigliere-comunale-si-presenta-con-il-burqa/

Nessun commento:

Posta un commento