domenica 16 novembre 2014

Piacenza. Badante ecuadoriana sfonda a calci la testa di un novantenne

badante-Redazione- E’ di duplice tentato omicidio l’accusa con la quale la polizia ha arrestato una badante ecuadoriana di 46 anni. 
Avrebbe massacrato di botte Sebastiano Trogu, 90 anni nativo di Oristano, l’uomo che assisteva, riducendolo in fin di vita.
Gli avrebbe sfondato il cranio a calci e ora l’anziano è in prognosi riservata all’ospedale di Piacenza, trasportato d’urgenza dall’ambulanza del 118. Non solo: ma ha anche aggredito la vicina di casa che era intervenuta per salvare l’anziano, minacciandola con dei cocci e provocandole alcune contusioni.
La Procura della Repubblica di Piacenza sta ora vagliando anche l’applicazione di una ulteriore misura cautelare nei confronti dell’indagata.
Che cosa abbia scatenato il raptus della badante ecuadoriana non è ancora stato chiarito. A chiamare i soccorsi è stata una vicina di casa, una ragazza piacentina di 37 anni, si è accorta che nell’appartamento stava accadendo qualcosa di grave. Affacciatasi a una finestra, avrebbe visto la donna che prendeva l’anziano a calci in testa riverso sul pavimento del salotto.
 Poi avrebbe impugnato anche un coltello ma è stata bloccata e disarmata dagli agenti delle volanti arrivati poco dopo. Nel frattempo però l’ecuadoriana, oltre ad aver aggredito anche la 37enne minacciandola con dei cocci trovati a terra, era stata affrontata da un nordafricano che abita al piano superiore, e che si trova agli arresti domiciliari.

http://www.articolotre.com/2014/11/piacenza-badante-ecuadoriana-sfonda-a-calci-la-testa-di-un-novantenne/

Nessun commento:

Posta un commento