giovedì 27 novembre 2014

Parigi. 13 mila studenti a rischio cancro a causa dell’amianto

amianto-RedazioneIn Francia scoppia un nuovo scandalo legato all'amianto:secondo il quotidiano Le Parisien, le autorità stanno ricercando migliaia di alunni che, tra il 1938 e il 1975, ''hanno frequentato tre scuole vicine a una fabbrica di amianto a Aulnay'', nella banlieue di Parigi, e che ''forse sono stati contaminati''.
 Una lettera ufficiale sarebbe stata inviata ai 13.000 ex studenti che rischiano di ammalarsi di cancro invitandoli a rivolgersi alle autorità sanitarie francesi a contattare un medico.
Le linee telefoniche dell'agenzia della salute della regione parigina sono intasate. Almeno 300 le chiamate in un giorno e mezzo. Le associazioni incaricate di ricercare le vittime ne hanno ritrovate per ora 131.
La fabbrica di Aulnay chiuse i battenti nel 1991 ed è provato che già dalla metà degli anni '70 non veniva più prodotto amianto. Eppure il materiale tossico era rimasto depositato sul posto. Una ventina di denunce, tutte per omicidio colposo e lesioni colpose, sono state sporte nel corso degli anni '90. Nel 2001 è nato un collettivo che ha riunito vittime e abitanti del quartiere per reclamare uno studio dell'inquinamento dell'area.
Questo è stato realizzato solo nel 2007. Ma nel 2013 il giudice ha deciso per il non luogo e le speranze delle famiglie sono svanite: "La legge non permette di ricercare la responsabilità morale per fatti anteriori al 1994", ha osservato l'avvocato delle vittime, Francois Lafforge. Il dramma però non riguarda solo gli operai che hanno manipolato il materiale ma anche migliaia di ex ragazzini che all'epoca andavano a scuola e ignari respiravano sostanze cancerogene.
In Francia l'amianto è stato vietato solo dal primo gennaio 1997, ovvero 20 anni dopo le prime raccomandazioni dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), che già nel 1977 lo aveva classificato come un agente cancerogeno

http://www.articolotre.com/2014/11/parigi-13-mila-studenti-a-rischio-cancro-a-causa-dellamianto/

Nessun commento:

Posta un commento