martedì 18 novembre 2014

Orrore in Cina. Scuoiati vivi per la pelliccia: il dramma dei cani procione


cane procione-Redazione- Per ottenere la pellicciasi usano due barre metalliche: una viene inserita nella bocca dell’animale, l’altra nell’ano.
 Poi le barre vengono collegate a una batteria per automobili.
Le scariche elettriche paralizzano gli animali, ma non li uccidono. A questo punto vengono scuoiati vivi. Lo scopo è quello di mantenere il pelo più intatto possibile. Così in Cina vengono prodotte le pellicce che potrebbero adornare anche i giacconi acquistati in Italia.
Una pratica testimoniata dall’investigazione condotta nella regione dello Shandong dagli attivisti di Animal Equality che hanno filmato le condizioni di vita delle volpi e dei cani-procione negli allevamenti della zona. 
 «Queste pellicce vengono mandate nei paesi di tutto il mondo – spiega Matteo Cupi, presidente di Animal Equality – Si possono trovare sui capi disponibili in tantissimi negozi d’abbigliamento. Le persone non sono nemmeno a conoscenza che parte di questi vestiti sono fatti con cani procioni, animali strettamente imparentati ai cani domestici».

http://www.articolotre.com/2014/11/orrore-in-cina-scuoiati-vivi-per-la-pelliccia-il-dramma-dei-cani-procione/

Nessun commento:

Posta un commento