martedì 11 novembre 2014

MILANO, BIVACCHI E DEGRADO IN PIENO CENTRO: "SITUAZIONE INSOSTENIBILE IN PIAZZA RISORGIMENTO" -FOTO


Milano, bivacchi e degrado in pieno centro: "Situazione insostenibile in piazza Risorgimento" -foto

MILANO - Panchine utilizzate per bivacchi diurni, la base del monumento di piazza Risorgimento trasformata in letto. E' questo lo scenario purtroppo abituale per chi vive tra la piazza e corso Concordia, corso Indipendenza.




Il degrado in piazza Risorgimento a Milano

"Il panorama per un'intera zona - commenta Silvia Sardone, membro della segreteria regionale di Forza Italia Lombardia - sembra essere esclusivamente il bivacco. La situazione in Piazza Risorgimento e nelle limitrofe Corso Concordia e Corso Indipendenza è descritta da continue immagini di degrado. Ora persino il monumento a san Francesco di Assisi di Piazza Risorgimento è diventato luogo privilegiato per bivacchi di clochard, sbandati e ubriachi. E non siamo in una delle tante periferie abbandonate da Pisapia ma in pieno centro, a pochi minuti a piedi da San Babila. E che dire della quotidianità dei giardini di Corso Indipendenza: metà delle panchine è occupata da sbandati addormentati e in molte delle restanti ci sono spesso gruppi di persone dediti esclusivamente a ubriacarsi.
A poca distanza dalla piazza c'è l"Opera Pia San Francesco" di Corso Concordia che assiste e aiuta tantissime persone in difficoltà e la cui attività è assolutamente vitale e da sostenere. Comprendiamo che questa vicinanza possa provocare alcuni problemi di difficile gestione ma i cittadini della zona lamentano la totale indifferenza dell'amministrazione in merito alle scene quotidiane in zona.
Lasciare che i giardini e le due strade diventino luogo privilegiato per emarginati non è una politica responsabile. Siamo stanchi dell'atteggiamento buonista e lassista di questa amministrazione.
Sono necessari presidi delle forze dell'ordine, piani per la salvaguardia del decoro e la possibilità di valutare ricoveri alternativi ai senza tetto presenti nell'area, anche nell'ottica dell'arrivo della fredda stagione invernale. Diversi abitanti della zona esprimono preoccupazione ad avvicinarsi ai giardini e alla mensa per i poveri, proprio per la totale mancanza di controlli e per l'atteggiamento aggressivo di alcune delle persone che stazionano sulle panchine. Non bisogna lasciare - conclude Sardone - che questi luoghi diventino inaccessibili"


http://www.leggo.it/NEWS/MILANO/milano_degrado_bivacchi_clochard/notizie/1006164.shtml

Nessun commento:

Posta un commento