lunedì 10 novembre 2014

Kim Jong-un condanna a morte un suo consigliere per aver usato un posacenere sbagliato

kim-Redazione- “Quando Kim arrivava in auto, i suoi consulenti scappavano e si buttavano tra i cespugli. Si sporcavano tutti ma non volevano farsi vedere. Infatti erano spaventati, perché anche quando era di buon umore, Kim poteva essere spietato e far tagliare le loro teste per qualunque motivo”.  
A parlare è Lee Young-Guk, ex guardia del corpo del leader nordcoreano, in un’intervista riportata sul Daily Mail.
“Ho servito per anni il padre di Jong-un come guardia del corpo. Come staff, avevamo una paura costante di esseredecapitati. Una volta un consigliere venne mandato a morire in un campo di concentramento per aver preso il suo stesso ascensore. Ma temo che il regime di suo figlio Kim Jong-un sia addirittura peggiore”.
Ora può parlare Lee, vive in Corea del sud e gli anni in cui proteggevano Kim sono fortunatamente solo un ricordo. Ma il passato torna spesso a tormentarlo. Era il ’94 quando decise di fuggire dal suo Paese: troppa la povertà e i soprusi. Fu però scoperto e inviato nel terribile campo di concentramento di Yodok.
Nonostante le torture subite, riesce a sopravvivere e poi fuggire in Corea del Sud. Secondo quanto rivela la ex guardia del corpo, lo stesso amaro destinato era stato poi riservato ad un alto dirigente del leader nordcoreano: destinato probabilmente a morire di stenti, perché reo di aver usato il portacenere sbagliato. “
Kim Jong-un ha ucciso suo zio – dice Lee – ha osato fare quello che suo padre non avrebbe mai fatto. Tutti gli sono fedeli, ma solo perché hanno paura di lui. Il suo potere è falso”.
Secondo quanto rivelato dall’ex guardia del corpo del padre, nel 2013, Kim avrebbe ordinato l’esecuzione dell’ex fidanzata Hyon Song-Wol, autrice di una popolare canzone di successo. E ancora: dopo il crollo di un edificio di Pyongyang, feceuccidere architetti e ingegneri impegnati nella ricostruzione.
Perché? Secondo le fonti, “il leader non riusciva a prendere sonno, dopo aver appreso della tragedia”.

http://www.articolotre.com/2014/11/kim-jong-un-condanna-a-morte-un-suo-consigliere-per-aver-usato-un-posacenere-sbagliato/

Nessun commento:

Posta un commento