mercoledì 19 novembre 2014

Jobs Act, sciopero generale il 12 dicembre. La Cisl si tira indietro: “Nessun motivo per bloccare il Paese”

cgil-sciopero1-Redazione12 dicembre. E' questa la data scelta per losciopero generale dopo l'incontro avvenuto tra i diversi leader sindacali, a cui non parteciperà laCisl. La sigla, infatti, conferma il solo «sciopero unitario» del pubblico impiego, che sarà deciso dalle categorie.
Annamaria Furlan ha chiarito di non essersi "sfilata", piuttosto "non abbiamo mai valutato di dichiarare lo sciopero generale: non ci sono motivazioni valide per bloccare il Paese." Nel pomeriggio di oggi si riunirà comunque l'esecutivo nazionale per decidere le forme di mobilitazione.
Diverso il parere di Susanna Camusso, segretaria della Cgil, che conferma come "sui temi della legge di stabilità, del Jobs act» con la Uil «abbiamo registrato un importante convergenza e abbiamo convenuto di fare uno sciopero generale in una giornata con manifestazioni territoriali il 12 dicembre, avendo fatto verifiche sulla data».

http://www.articolotre.com/2014/11/jobs-act-sciopero-generale-il-12-dicembre-la-cisl-si-tira-indietro-nessun-motivo-per-bloccare-il-paese/

Nessun commento:

Posta un commento