venerdì 28 novembre 2014

In Uruguay Pc o biciclette in cambio di armi. La nuova campagna di Mujica


Scritto Da Francesca Mancuso

Mujica bici armi
Meno armi, più bici e computer. Suona più o meno così il monito lanciato all'inizio del 2013 dal presidente 'povero' dell'Uruguay, José Mujica, che in occasione dell'Assemblea dell'Onu del 24 settembre scorso ha lanciato l'iniziativa Armas para la vida.
Partita all'inizio del 2013 nel suo paese, l'iniziativa del ministero dell'Interno uruguaiano è volta al vero e proprio disarmo della popolazione. Solo lo scorso anno, infatti, sarebbero stati 267 gli omicidi contro i 193 del 2011 e 500 mila i pezzi illegali.
Anche in assenza di dati precisi, è stato stimato che circolano nel paese mezzo milione di armi illegali tra i civili e 450mila registrate. In sostanza, un cittadino su tre possiede un arma e uno su sei ne ha una illegale.
Da qui l'iniziativa del presidente Mujica, famoso per aver rinunciato al 90% del suo stipendio per darlo ai poveri, e del suo governo, Armas para la vida, che propone uno scambio: il cittadino porta un'arma e riceve in cambio un'altra “arma per la vita”. Un'arma di conoscenza, ad esempio un computer portatile, o un'arma per il divertimento, per spostarsi e per fare attività fisica, la bicicletta.
Secondo quanto previsto da Armas para la vida, per i prossimi sei mesi chi consegnerà la propria arma potrà ricevere in cambio bici o pc, una sorta di periodo di condono, se così può essere definito, al termine del quale subentrerà la legge che prevede la condanna da 1 a 12 anni per il possesso illegale di armi.
Entrambe le campagne sono state portate avanti sviluppati dalla Unità di Comunicazione del Ministero dell'Interno che da tempo è impegnata nel disarmo del paese, insieme a due partner strategici: il Ministero del Turismo, per i suoi stretti legami con i produttori e gli importatori di biciclette attraverso il programma di piste ciclabili e del turismo domestico e il Laboratorio Tecnologico dell'Uruguay (LATU), a capo del piano Ceibal, un progetto socio-educativo istituito dal presidente Vázquez per far sì che tutti gli studenti delle scuole pubbliche abbiano un computer.
E in occasione della sessione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, lo scorso 24 settembre, col suo forte discorso Mujica ha ribadito la necessità di puntare ad un mondo migliore: “Con il talento e il lavoro di squadra l'uomo può rendere verdi i deserti, coltivare il mare e mettere a punto metodi per usare l'acqua salata per l'agricoltura. Un mondo con una migliore umanità è possibile, ma forse oggi la prima priorità è salvare vite umane”, ha sottolineato Mujica.
Via le armi, avanti le bici.
Francesca Mancuso
Foto: Onu

http://www.greenme.it/approfondire/buone-pratiche-a-case-history/11528-armas-para-la-vida-uruguay

Nessun commento:

Posta un commento