lunedì 24 novembre 2014

IL RITORNO DI ZEMANLANDIA – IL CAGLIARI FERMA IL NAPOLI E IL BOEMO SBERTUCCIA MINIMO MAURO: “TROPPI GOL SUBITI? SE NE FAI UNO PIÙ DEGLI ALTRI TE NE FREGHI. CON LA LAZIO SUBIMMO MENO GOL DELLA JUVE MA NON VINCEMMO LO SCUDETTO” (MA ZEMAN SI SBAGLIA…)

A Sky Calcio show scintille tra il Boemo e Mauro che gli ricorda l’importanza di curare la fase difensiva – Il Boemo ricorda di essere arrivato secondo con la migliore difesa ma si sbaglia: nella stagione 94/95 la Juve subì 32 gol, la Lazio ne prese 34 - Luca Marchegiani: “Me lo ricordo bene, il portiere ero io…”


Francesco Persili per Dagospia

zeman in spiaggia al poettoZEMAN IN SPIAGGIA AL POETTO
È tornata Zemanlandia. Dopo aver asfaltato l’Inter a San Siro, il Cagliari inchioda il Napoli sul tre pari (Ibarbo e doppio Farias). Il Boemo accoglie con un sorriso il punticino al San Paolo e gli apprezzamenti di Benitez sulle sue battaglie contro il doping («Mi hanno fatto piacere. Il tecnico spagnolo è un uomo di sport») e parte alla carica: «Abbiamo fatto bene contro dei mostri come Higuain e Callejon. Se ci mettiamo a giocare possiamo creare problemi a tutti».

MALCOM PAGANI E ZEMANMALCOM PAGANI E ZEMAN
La classifica non consente voli pindarici, il Cagliari, infatti, ha solo due punti di vantaggio sul Chievo terzultimo e ha la seconda peggior difesa della serie A, eppure Zeman davanti alle telecamere di Sky Calcio show va all’attacco di Massimo Mauro che lo pizzica per i troppi gol subiti dalla sua squadra: «Se fai un gol più degli altri te ne freghi di quanti ne prendi». Apostasia del “primo non prenderle”, il teorema su cui si è fondato il calcio all’italiana. Il Boemo affonda il colpo e invita a guardare ciò che succede nella Liga o in Premier dove vince chi fa più gol e non chi si difende di più.

MASSIMO MAUROMASSIMO MAURO
Filosofie diverse in campo. Mauro chiama in causa Guardiola che gli disse «non guardare come attacca ma come difende la mia squadra» per sottolineare l’importanza della fase difensiva nel raggiungimento dei successi, Zeman replica con ironia («Eppure Mauro da calciatore era più attaccante che difensore») e ricorda: «Quando sono arrivato secondo con la Lazio avevo subito meno gol della Juve». Gioco, partita, incontro per il tecnico boemo? Neanche per sogno. Zeman si sbaglia. Nella stagione 94/95 la Juve subì 32 gol, la Lazio ne prese 34. Sogghigna Luca Marchegiani: «Me lo ricordo bene, il portiere ero io…».
MASSIMO MAUROMASSIMO MAURO

http://www.dagospia.com/rubrica-30/sport/ritorno-zemanlandia-cagliari-ferma-napoli-boemo-89245.htm

Nessun commento:

Posta un commento