lunedì 10 novembre 2014

Il nero è un colore narrativo

E Michele Gabellone dice nero. Nero profondo, in cui ogni colore si perde, nero assoluto che sprigiona però un sentiero di luce. Il più classico dei colori per uno stilista  e , insieme la prova più difficile.
"Quando lavori con il nero non ti puoi permettere di sbagliare. Ogni dettaglio deve essere perfetto, perché il nero mette in rilievo l’essenza di un abito, ma anche la sensualità della seduzione" ci confida Michele Gabellone. Il nero è spesso presente nelle collezioni della mì, diventando ormai quasi una caretteristica stilistica . "Mi piace pensare al nero come forza positiva, qualcosa che si trasforma nelle mie mani come il nero di Matisse. Nelle mie collezioni lo scelgo quando ho bisogno di esprimere luce  e non oscurità. E non si tratta solo e sempre di una scelta estetica . In un abito il nero mi fa pensare alla concentrazione, al distacco. E’ come un segno. Grazie al nero, un colore narrativo, legato all’identità, molte persone riescono a nascondere i propri sentimenti. Per me il nero invece diventa una forza energetica e un elemento per la mia creatività".
Consiglio di portare un abito da me creato in nero, in modo personale e mai funereo. Il nero è una tonalità perfetta per la sera. E’ il gusto severo del rigore e, per tradizione anche di potere". Gabellone ha spesso affermato che sono il mondo dell'arte e del cinema la sua fonte d'ispirazione. e così durante il nostro incontro finiamo a parlare di lei: Greta Garbo."Vedere la Garbo inguainata in un modello nero e lucente, ha cambiato il mio concetto e la mia visione d’eleganza". Che dire? garbatamente nero sia!


Eva Fiamma


Nessun commento:

Posta un commento