giovedì 20 novembre 2014

Giustizia. Passa al Senato il ddl sulla responsabilità civile dei magistrati

Hanno votato a favore del ddl oltre ai partiti di maggioranza anche i rappresentanti di M5S. Astenuti i senatori di Sel, contrari invece quelli di Forza Italia e di Gal.
Giustizia. Passa al Senato il ddl sulla responsabilità civile dei magistrati-Redazione- Con 150 voti favorevoli, 51 contrari e 26 astenuti, il Senato dà il via libera al ddl sulla responsabilità civile dei magistrati. oOa il testo passa alla Camera.
Si conferma così, l'asse Movimento Cinquestelle – Partito democraticosulla responsabilità civile dei magistrati. Il senatore M5S, Michele Giarrusso, nelle dichiarazioni di voto finali in Aula, annuncia, infatti, il voto favorevole del gruppo al ddl. "Non sarà una legge perfetta ma sicuramente non è una porcata ed è grazie a noi. Noi non abbiamo trovato un muro, questa volta e M5S c'è e non si tira indietro davanti alle proprie responsabilità", spiega Giarrusso annunciando che alla Camera saranno presentati "emendamenti" per migliorare il testo.
In Commissione Giustizia si erano già registrate delle convergenze tra M5S e Pd sul provvedimento, un'avvicinamento che aveva fatto fibrillare la maggioranza di governo per le proteste di Ncd. Sel si è astenuta, Gal e Fi hanno votato contro. 
Il ddl elimina il filtro di ammissibilità, introduce l'obbligo di rivalsa dello Stato entro due anni ed esclude l'interpretazione del diritto dalla casistica della responsabilità civile. Non solo, in uno degli emendamenti del governo approvati in Aula si prevede che, per i provvedimenti cautelari personali o reali, un giudice incorra nella responsabilità in assenza di motivazione e senza più la postilla "dell'adeguata e specifica". Rientra, invece, nella colpa grave, e quindi nei casi di responsabilità, il contrasto con l'interpretazione già espressa dalla Corte di Giustizia europea. 
Tra le modifiche approvate compare, l'introduzione della responsabilità contabile del magistrato a fianco di quella civile.
Proprio questa mattina il premier Matteo Renzi era intervenuto sull'argomento:"Faremo valere il principio che chi sbaglia paga: se un operaio sbaglia paga, se uno fa il giornalista e sbaglia paga. Allo stesso tempo se un magistrato sbaglia per dolo deve pagare come capita a tutti" ha detto il premier ai microfoni di Rtl 102.5. 

http://www.articolotre.com/2014/11/giustizia-passa-al-senato-il-ddl-sulla-responsabilita-civile-dei-magistrati/

Nessun commento:

Posta un commento