lunedì 24 novembre 2014

Gasparri contro Barilla: “Boicottiamo quella pasta”

Dopo la svolta gay-friendly dell'azienda di Parma, che a Gasparri non piace.
Gasparri contro Barilla: "Boicottiamo quella pasta"-Redazione- Maurizio Gasparri, vicepresidente del Senato, invita alboicottaggio dei prodotti Barilla; il motivo? Un'apertura gay-friendly, da parte dell'azienda di Parma.
Soltanto un anno fa, Guido Barilla era stato duramente attaccato dopo che in un'intervista, Barilla aveva dichiarato che le famiglie omosessuali non sarebbero mai state prese in considerazione per le proprie pubblicità. 
Un anno dopo, l'azienda ha messo in essere un profondo cambiamento della politica aziendale nei confronti delle persone gay, allargando la copertura sanitaria ai dipendenti transgender e alle loro famiglie, finanziando associazioni per i diritti dei gay e lavorando sulla trasparenza delle proprie politiche.
Un così radicale cambio di strada che non è piaciuto a Gasparri, che non si lascia sfuggire nulla e su Twitter, ormai diventato il suo "campo di battaglia preferito", scrive: "Patetico epilogo per Guido Barilla passato dalla Gasparri Tweetdifesa della famiglia alla subalternità a lobby gay. Non compriamo più Barilla".
E poi rincara la dose: "Non comprate prodotti Barilla, Guido Barilla merita boicottaggio per resa su famiglia naturale", attacca.
E a chi gli chiede se va bene la pasta De Cecco, il vicepresidente risponde: "Per carità, no, Fu lodata da O.Luigi Scalfaro. Scelga altro".

http://www.articolotre.com/2014/11/gasparri-contro-barilla-boicottiamo-quella-pasta/

Nessun commento:

Posta un commento