domenica 16 novembre 2014

Cento migranti da ospitare. Il paese chiude per protesta

In duecento per dire che non vogliono l'arrivo di 100 profughi nel proprio paese. I negozi del piccolo paese rimangono chiusi per protesta.
Cento migranti da ospitare. Il paese chiude per protesta-Redazione- Badia Prataglia è un piccolo paesino di montagna, nelle foreste del Casentino, in provincia di Arezzo a 850 metri sul livello del mare. Ieri i negozi sono rimasti chiusi, trasformando per qualche ora il paese in un paese fantasma, mentre gli abitanti si sono recatidavanti alla Prefettura di Arezzoper manifestare con un sit-in di protesta per il prossimo arrivo di uncentinaio di profughi da ospitare.
Gli abitanti di Badia, mettono subito in chiaro che non si tratta di razzismo e che non vogliono nemmeno sottrarsi all'accoglienza, ma vogliono che il numero di immigrati sia proporzionato al numero di abitanti della frazione di Poppi che conta poco più di 700 abitanti. "Siamo piccoli, non ci può essere accoglienza se mandano qui 100 profughi", dice il sindaco.
In paese in tanti tengono a specificare: "Siamo disposti all'accoglienza dei migranti, ma solo per un numero inferiore, una ventina, una cifra congrua rispetto alla popolazione residente nel paese". Nel sit-in alla prefettura: gli abitanti di Badia a Prataglia si sono portati anche dietro le chiavi dei negozi per consegnarle simbolicamente in prefetto. "Siamo un centro turistico, con molte seconde case. Siamo un centro che subisce la crisi economica, basta poco per allontanare i villeggianti" si lamenta uno. 
Tra i manifestanti anche alcuni residenti di origine albanese da tempo integrati nella piccola frazione dove molti lavorano come boscaioli. 
Il prefetto Saverio Ordine non ha ricevuto i manifestanti, ma secondo fonti del Comune avrebbe fissato per i prossimi giorni un faccia a faccia con il sindaco di Poppi, Carlo Toni, e con gli altri sindaci del Casentino per il prossimo 20 novembre

http://www.articolotre.com/2014/11/cento-migranti-da-ospitare-il-paese-chiude-per-protesta/

Nessun commento:

Posta un commento