sabato 29 novembre 2014

Antitrust apre istruttoria sul prezzo di alcuni farmaci antitumorali della Aspen: “Rincari sospetti dal 150 al 1.500%”

L'Antitrust contro il gruppo sudafricano Aspen per abuso di posizione dominante. Ha aumentato il costo di 4 farmaci antitumorali  e ha "minacciato" AIFA che in caso di mancato accordo, non avrebbe più commercializzato quei farmaci in Italia.
Antitrust apre istruttoria sul prezzo di alcuni farmaci antitumorali della Aspen: “Rincari sospetti dal 150 al 1.500%”-Redazione- L’Antitrust ha avviato un’istruttoria nei confronti delle società Aspen Pharma Trading Limited e Aspen Italia S.r.l., appartenenti al gruppo sudafricano Aspen, per verificare l’ipotesi di un"abuso di posizione dominante" nel mercato dei farmaci antitumorali compresi nella fascia A, ovvero quelli a carico del Servizio sanitario nazionale. 
E' quanto annuncia una nota dell'Authority spiegando che si tratta in particolare diquattro prodotti: Alkeran, Leukeran, Purinethol e Tioguanina. Aspen, secondo quanto ipotizzato nel provvedimento di avvio, "avrebbe obbligato l’AIFA (Agenzia italiana del farmaco) ad accettare elevatissimi incrementi di prezzo, determinando un aumento della spesa a danno del Ssn", dice ancora l'Antitrust. Altroconsumo interverrà nell'istruttoria a fianco dell'Antitrust.
L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato rileva nell'avvio dell'istruttoria che non esistevano ragioni ulteriori per l'imposizione di prezzi così elevati se non il semplice sfruttamento della propria posizione dominante. Gli stessi farmaci erano venduti a prezzi molto più bassi prima che Aspen ne acquisisse la titolarità.
L’andamento dei prezzi al pubblico sul mercato. come rilevato da Altroconsumo, ha subito un forte rincaro, dal 250% fino al 1.500%.
Il prezzo al pubblico di una confezione di Alkeran (25 compresse da 2 mg, principio attivo: melfalan) è passato da 5.23 € a 85.83 € a partire dal giorno 3 aprile 2014.
Il prezzo al pubblico di una confezione di Leukeran (25 compresse da 2 mg, principio attivo: clorambucile) è passato da 7.13 € a 90.20 € a partire dal 2 aprile 2014.
Il prezzo al pubblico di una confezione di Purinethol (25 compresse da 50 mg, principio attivo: mercaptopurina) è passato da € 15.98 a € 90.35 a partire dal 3 aprile 2014.
Inoltre, secondo l'Antitrust è un abuso di posizione dominante, la minaccia di ritirare un farmaco essenziale dal commercio se AIFA non avesse accettato di rinegoziare il prezzo dello stesso farmaco al rialzo. Secondo Altroconsumo, Aspen avrebbe dichiarato che in caso di un mancato accordo sul prezzo, non avrebbe più commercializzato questi farmaci in Italia, ma avrebbe reso disponibili ai pazienti italiani gli stessi farmaci al prezzo praticato in altri Stati membri, ancora più elevato di quello che avrebbe potuto essere rinegoziato da AIFA.
Dalla notifica del provvedimento, dunque, le imprese avranno 60 giorni di tempo per chiedere un’audizione ed esercitare il diritto di essere sentita dall’Autorità presieduta da Giovanni Pitruzzella. L’istruttoria si chiuderà entro il 31 marzo 2015. 

http://www.articolotre.com/2014/11/antitrust-apre-istruttoria-sul-prezzo-di-alcuni-farmaci-antitumorali-della-aspen-rincari-sospetti-dal-150-al-1-500/

Nessun commento:

Posta un commento