mercoledì 19 novembre 2014

Anche il Parlamento spagnolo riconosce la Palestina

Il Parlamento spagnolo ha approvato all'unanimità una risoluzione per il riconoscimento della Palestina come Stato indipendente. 
Anche il Parlamento spagnolo riconosce la Palestina-Redazione- Dopo l'Islanda, la Gran Bretagna e la Svezia anche ilParlamento spagnolo riconosce lo Stato della Palestina, approvando all'unanimità la risoluzione di riconoscimento. 
Il testo non è vincolante e impegna il governo a "riconoscere la Palestina come Stato, soggetto di diritto internazionale", riaffermando "la convinzione che l'unica soluzione possibile per il conflitto sia la coesistenza di due Stati, Israele e Palestina". 
Si chiede il riconoscimento dello Stato palestinese a due condizioni: che ci sia unprocesso di negoziato fra palestinesi e israeliani e l'osservanza degli "interessi" di Israele"Questo riconoscimento deve essere conseguenza di un processo di negoziato fra le parti che garantisca la sicurezza a entrambe, il rispetto e i diritti dei cittadini e la stabilità regionale", si sottolinea. Si esorta il governo a "cercare un'azione coordinata, di concerto con la comunità internazionale, e in particolare con la Ue, tenendo pienamente in conto le legittime preoccupazioni, interessi e aspirazioni dello Stato di Israele". E, in un ultimo punto, si sprona a "far valere la presenza della Spagna nel Consiglio di sicurezza per propiziare tale soluzione giusta e duratura"
Il ministro degli esteri, José Manuel Margallo, ha espresso la speranza che la storica risoluzione odierna "contribuisca a sbloccare un processo di negoziati in situazione di stallo da molti anni". La Spagna – ha aggiunto – come membro non permanente del Consiglio di sicurezza promuoverà un "dialogo per la pace, la sicurezza e lo sviluppo della regione". Madridpunta a coordinarsi con altri Paesi, come la Francia, dove l’Assemblea nazionale dovrebbe votare il 28 novembre una risoluzione molto simile a quella spagnola.
L'ambasciatore israeliano in Spagna, Alon Bar, intervistato dall'Ansa, commenta la notizia: "Crediamo che sia un brutto momento per parlare di riconoscimento, soprattutto alla luce dell’attentato oggi a Gerusalemme perché fomenta misure unilaterali, alimenta la violenza, non beneficia il processo di pace in quanto anima i palestinesi a cercare il riconoscimento internazionale invece di sedersi a un tavolo e negoziare".
Tuttavia, secondo il diplomatico israeliano, il testo approvato oggi nell’imporre "che il riconoscimento debba essere il risultato di negoziati" e che debba avvenire "nel contesto della Ue e nel quadro di un accordo globale", esprime una posizione "che è anche quella di Israele"


http://www.articolotre.com/2014/11/anche-il-parlamento-spagnolo-riconosce-la-palestina/

Nessun commento:

Posta un commento