martedì 25 novembre 2014

5 per mille. La Corte dei Conti chiede una riforma: “Troppe associazioni”

5xmille-Redazione-E' necessario snellire e controllare il sistema del 5 per mille.
A dirlo sono i giudici della Corte di Conti, in un'integrazione a una precedente relazione sull'argomento. Il problema emerso attraverso la loro analisi, infatti, è che vi sono troppe associazioni che potrebbero beneficiare dei fondi dei contribuenti, con il risultato di frammentare eccessivamente i settori d'intervento.
Se, infatti, esistono organizzazioni "preferite", come l'Associazione Italiana per la ricerca sul cancro, Emergency, Medici Senza Frontiere, ve ne sono migliaia che non ricevono alcun contributo, pur restando inserite nella lista.
«Benché il proliferare delle organizzazioni beneficiarie esprima la frammentazione dei bisogni della società contemporanea – scrivono i magistrati contabili – si impone una più rigorosa selezione delle stesse, al fine di non disperdere risorse per fini impropri". 
"I dati recentemente pubblicati relativi alle erogazioni per l'anno 2012 attestano che i beneficiari sfiorano, ormai, il numero di 50 mila", aggiunge la Corte dei Conti. "Per le onlus e gli enti del volontariato, quasi 9 mila enti ottengono un contributo inferiore ai 500 euro e oltre mille non hanno ottenuto nemmeno una firma, accentuandosi, così, la frammentazione e la dispersione delle risorse". Di fatto, "molti beneficiari, pur non avendo finalità di lucro, non producono alcun tipo di valore sociale. E infatti accade pure che non manchino situazioni paradossali, quali un cospicuo numero di enti, ben superiore a 1.000 per l'ultimo anno, che non ricevono alcuna scelta, dimostrando, così, di non essere di interesse nemmeno per i propri membri e sollevando dubbi sulla loro reale consistenza".

http://www.articolotre.com/2014/11/5-per-mille-la-corte-dei-conti-chiede-una-riforma-troppe-associazioni/

Nessun commento:

Posta un commento