lunedì 10 novembre 2014

1. SALLUSTI USTIONANTE: “NOI NON CI UNIAMO AL CORO DEI “RAMMARICATI” PERCHÉ CONSIDERIAMO NAPOLITANO UNO DEI PEGGIORI E FAZIOSI PRESIDENTI DELLA REPUBBLICA” - 2. “TESTIMONI RACCONTANO DI COME FU LUI AD AIZZARE FINI CONTRO BERLUSCONI PROMETTENDO AL PRIMO IL POSTO DI PREMIER CHE ERA DEL SECONDO. FALLITA PER UN SOFFIO L'OPERAZIONE RIBALTONE, NAPOLITANO AVVIÒ CONSULTAZIONI CLANDESTINE CON BANCHIERI (BAZOLI E PASSERA) E FINANZIERI (DE BENEDETTI) PER PREPARARE IL COLPO DI STATO DEL GOVERNO TECNICO POI AFFIDATO A MONTI. E C'È ANCORA LUI DIETRO LA SCISSIONE DI ALFANO CHE FU INDISPENSABILE PER SORREGGERE IL GOVERNO DI ENRICO LETTA” - 3. ‘’DA BUON COMUNISTA, HA DATO UNA BELLA MANO ALLA SINISTRA PER AZZOPPARE BERLUSCONI. E QUANDO CE L'AVEVA QUASI FATTA, ARRIVA RENZI A SCOMBUSSOLARE TUTTO’’ - 4. “MEGLIO RITIRARSI, PRIMA CHE QUALCUNO (RENZI) GLI CHIEDA DI ACCOMODARSI ALLA PORTA” -


1. L’ULTIMA SFIDA DI UN UOMO STANCO
Massimiliano Scafi per “il Giornale

RAZZI NAPOLITANO FINIRAZZI NAPOLITANO FINI
«E dov'è la notizia? Si sapeva fin dall'inizio che non sarebbe stato un mandato pieno». Se potesse, Giorgio Napolitano completerebbe l'incarico. Se «le forze» lo sorreggessero, vorrebbe veder partire le riforme. Dal Quirinale spiegano che «la decisione non è presa». Ma l'«insostenibile» pesantezza dell'essere presidente a 89 anni lo sta portando alla resa. Stanco per la fatica del ruolo, stanco per la lentezza della politica, si dimetterà forse a gennaio, dopo la conclusione del semestre europeo, dopo aver salutato il paese a Capodanno.
 
«Non ce faccio più», ha detto al suo coetaneo Alfredo Reichlin. Sua moglie Clio da un anno gli chiede di mollare e un altro amico antico come Emanuele Macaluso sostiene che «non gli possono pretendere altri sacrifici». Napolitano da mesi è tartassato da acciacchi e costretto a fastidiose terapie. Dorme poco e male. Ha ormai rinunciato ai viaggi all'estero e ha tagliato pure le trasferte italiane più impegnative.
MONTI NAPOLITANOMONTI NAPOLITANO
santanche sallusti a veneziaSANTANCHE SALLUSTI A VENEZIA

Sì, come spiega la nota del Colle, «esercita la pienezza delle sue funzioni», infatti nei giorni scorsi ha incontrato ministri, scienziati e studenti e ha ricevuto i presidenti di Finlandia e Polonia. Vedrà quello austriaco Heinz e parteciperà a un bilaterale con i tedeschi a Torino. Ma parla quasi sempre seduto, com'è normale a 89 anni.

napolitano berlusconiNAPOLITANO BERLUSCONI
L'altra sera al Quirinale hanno proiettato l'ultimo film di Ermanno Olmi e alla fine, per alzarsi e salutare gli attori, l'hanno dovuto aiutare. L'età, la signora Clio, la solitudine del potere, le riforme impossibili, l'ostilità totale alle elezioni anticipate. Gennaio è vicino, gli scatoloni pronti, però attenzione, «il bilancio non è concluso» e Napolitano prima di andarsene vuole mettere l'Italia in sicurezza. Ce la farà?
MERKEL BERLUSCONI NAPOLITANOMERKEL BERLUSCONI NAPOLITANO


2. I FALLIMENTI DI NAPOLITANO
Alessandro Sallusti per “il Giornale

Giorgio Napolitano e Enrico LettaGIORGIO NAPOLITANO E ENRICO LETTA
Giorgio Napolitano non conferma né smentisce sue imminenti dimissioni, il che equivale - nei codici della politica - a una conferma piena. Sono quindi gli ultimi giorni di una presidenza lunga, assai discussa e sicuramente discutibile.

Da oggi in avanti nei suoi confronti sarà tutto un fiorire di elogi e di «ci spiace» perché l'ipocrisia sta alla politica come il pane alla tavola imbandita: non se ne può fare a meno. Noi non ci uniamo al coro dei «rammaricati» perché consideriamo Napolitano uno dei peggiori presidenti della Repubblica con una faziosità forse seconda solo a quella di Oscar Luigi Scalfaro.

BERLUSCONI NAPOLITANOBERLUSCONI NAPOLITANO
Del resto ci sarà un motivo se Forza Italia si rifiutò - cosa rara - di non votarlo alla sua prima elezione (la seconda non fa testo tanto era confuso e drammatico il quadro politico). Napolitano ha ricambiato la cortesia facendo di tutto e di più per ostacolare i governi di centrodestra, sia con atti ufficiali (interferenze pesanti nei progetti legislativi) che dietro le quinte.

Testimoni raccontano di come fu lui ad aizzare Fini contro Berlusconi promettendo al primo il posto di premier che era del secondo. Fallita per un soffio l'operazione ribaltone, Napolitano - come si racconta nel libro di Friedman - avviò consultazioni clandestine con banchieri (Bazoli e Passera) e finanzieri (De Benedetti) per preparare il colpo di stato del governo tecnico poi affidato a Monti. E c'è ancora lui dietro la scissione di Alfano che fu indispensabile per sorreggere il governo di Enrico Letta.
 
RENZI E NAPOLITANORENZI E NAPOLITANO
Tre fallimenti (Fini, Monti e Letta-Alfano) che portano la firma di Napolitano ma che soprattutto hanno portato il paese vicino alla rovina. L'uomo è andato ben oltre i suoi compiti e i limiti stabiliti dalla costituzione e - cosa non secondaria - ha lasciato che i magistrati si avventassero come belve contro Silvio Berlusconi, premier in carica nonché leader del partito di maggioranza relativa.
 
Emanuele MacalusoEMANUELE MACALUSO
Da buon comunista, il presidente ha dato una bella mano alla sinistra per azzoppare Berlusconi. E quando ce l'aveva quasi fatta ecco che arriva Renzi a scombussolare tutto. Perché Renzi è di sinistra, ma non come la intende lui. Del ragazzo non si fida, se non fosse presidente sarebbe stato il primo della lista dei rottamati. La sua popolarità è ai minimi storici, meglio ritirarsi, prima che qualcuno gli chieda di accomodarsi alla porta. Nessun rimpianto, di danni ne ha fatti abbastanza.
GIORGIO E CLIO NAPOLITANO IN ALTO ADIGEGIORGIO E CLIO NAPOLITANO IN ALTO ADIGE
NAPOLITANO E TESTA BERLUSCONINAPOLITANO E TESTA BERLUSCONIberlusconi ai saldiBERLUSCONI AI SALDIBERLUSCONI BERTINOTTI MARINI NAPOLITANOBERLUSCONI BERTINOTTI MARINI NAPOLITANOBerlusconi addormentato accanto a NapolitanoBERLUSCONI ADDORMENTATO ACCANTO A NAPOLITANOVINCINO BERLU E NAPOVINCINO BERLU E NAPO

Nessun commento:

Posta un commento