martedì 18 novembre 2014

1. QUI, TOR SAPIENZA: ‘’NON HAI CAPITO? TENE DEVI ANDÀ! QUA NUN VOLEMO POLITICA!”. LA SENATRICE GRILLINA PAOLA TAVERNA: “PERCHÉ, IO SAREI UN ESPONENTE POLITICO?”. LA RISPOSTA È DISARMANTE: “E IL MOVIMENTO 5 STELLE COS’È, LA CARITAS?”. CON TANTI SALUTI ALL’INNOCENZA PERDUTA: A TOR SAPIENZA L’ANTIPOLITICA HA SCAVALCATO BEPPE GRILLO - 2. DA QUESTE PARTI, ALLA POLITICHE 2013, M5S ERA ADDIRITTURA IL PRIMO PARTITO: 31,5 - 3. TAVERNA, POVERINA, NON SE L’ASPETTAVA. SI È FATTA FORTE DELLE SUE RADICI DI ROMANA “DI STRADA”. È CRESCIUTA AL QUARTICCIOLO. LA SENATRICE CONOSCE LE MANIERE RUVIDE. “IO LI CAPISCO, SONO ARRABBIATI, DELUSI. MA LA COSA CHE MI HA FATTO PIÙ MALE È QUANDO MI HA CHIAMATO “POLITICA”.... HO CAPITO CHE LORO MI VEDEVANO COME UNA DALL’ALTRA PARTE..." - 4. "CON RENZI NON ESISTE PIÙ NEMMENO IL PARLAMENTO...CHE CI INVENTIAMO? FORSE ABBIAMO SBAGLIATO A DECIDERE DI ENTRARE NELLE ISTITUZIONI. DOVEVAMO FARE LA RIVOLUZIONE? IL SISTEMA È RIUSCITO AD OMOLOGARCI, NONOSTANTE CE L’ABBIAMO MESSA TUTTA...” -


LEGGE TAVERNA: SFANCULA E SARAI SFANCULATO
Da “il Fatto quotidiano
La legge implacabile di Newton: chi sfancula, sarà sfanculato. #Taverna #Tor Sapienza


1. COME UNA NEMESI, L’ANTIPOLITICA COLPISCE LA GRILLINA
Filippo Ceccarelli per “la Repubblica

taverna contestata 2TAVERNA CONTESTATA 2
«Tene devi andà !». A Tor Sapienza ieri è accaduto che Nemesi, la mitologica figlia della Notte che gli antichi raffiguravano con una spada in pugno, abbia parlato con accento molto romano. Nella foto si vede con quanta animosità la senatrice grillina Taverna sia stata accolta dalla gente della periferia: «Qua nun volemo politica!».

paola taverna a tor sapienza 9PAOLA TAVERNA A TOR SAPIENZA 9
Il M5S è vissuto così. Come Grillo maltrattato a Genova dopo la prima alluvione. Come «tutti l’altri! ». C’è sempre un tempo in cui chi la fa, se la dovrebbe aspettare, ma in genere è troppo tardi. Nemesi ha una certa esperienza: l’apprendista stregone, l’innaffiatore innaffiato, l’inventore del Golem che se lo ritrova addosso. Sbagliato comunque esserne lieti. Non volere più politica è un gran guaio per tutti.

2. TOR SAPIENZA, M5S SGOMBERATO
Tommaso Rodano per “il Fatto Quotidiano

   ‘’Non hai capito? Te ne devi annà”. Paola Taverna, senatrice del Movimento 5 stelle, è respinta con perdite: la passerella di Tor Sapienza ha chiuso i battenti. Glielo ripetono a muso duro, in rapida successione, i cittadini del quartiere: “Non vogliamo più vedere politici. Nessuno venga qui a cercare di raccattare voti”. Di voti, da queste parti, il Movimento 5 stelle ne aveva presi una valanga.
paola taverna a tor sapienza 8PAOLA TAVERNA A TOR SAPIENZA 8

Alle politiche di febbraio 2013, nell’ex settimo municipio (Tor Sapienza e altri sette quartieri di Roma est), era addirittura il primo partito, con 20 mila preferenze e il 31,5 per cento. Ora le porte della borgata sono sbarrate per tutti. Dopo anni di silenzio e abbandono, Tor Sapienza si è scoperta notizia – e quindi meritevole di attenzione – per colpa di una manciata di giorni di proteste dure contro il centro accoglienza dei rifugiati. I “borgatari” non saranno abituati alla luce delle videocamere, ma non sono ingenui: non si prestano più a fare pubblicità per le sfilate in doppio petto.
   
Solo Giorgia Meloni, grande capa di Fratelli d’Italia, se l’è cavata senza contestazioni giovedì scorso. Forse perché era la prima parlamentare a venire dopo le notti di guerriglia o forse perché scortata da qualcuno che “garantiva” per lei. Venerdì gli insulti sono toccati al sindaco di Roma, Ignazio Marino.

paola taverna a tor sapienzaPAOLA TAVERNA A TOR SAPIENZA
Poche ore prima pure il fascio-leghista Borghezio aveva fiutato l’aria, spostando la sua manifestazione con Casa Pound di qualche centinaio di metri. Taverna, invece, non se l’aspettava. Si è fatta forte delle sue radici di romana “di strada”. È cresciuta al Quarticciolo: i due quartieri sono adiacenti, separati dalla Prenestina all’altezza della Togliatti, la via che segna uno dei confini non scritti su cui si misura la distanza delle periferie di Roma Est dal centro della città.
   
paola taverna a tor sapienza 7PAOLA TAVERNA A TOR SAPIENZA 7
La senatrice conosce le maniere ruvide. Quando il muro di diffidenza del quartiere respinge la delegazione dei Cinque stelle (che chiedevano di partecipare a un’assemblea pubblica), Taverna non retrocede e non china lo sguardo: “Devi abbassà la voce – intima a una delle donne che le gridava di andarsene – perché io non sono mica venuta qui a fare campagna elettorale”. La replica è gelida: “Sei venuta solo perché ti hanno dato cinque giorni di sospensione, sennò col c... che stavi qua”.
   
Taverna cala una seconda carta: la presunta purezza del Movimento 5 stelle rispetto agli altri partiti. “Non vogliamo esponenti politici”, le dice un altro cittadino. Lei: “Perché, io sarei un esponente politico?”. La risposta è disarmante: “E il Movimento 5 stelle cos’è, la Caritas?”. Con tanti saluti all’innocenza perduta: a Tor Sapienza l’antipolitica ha scavalcato Beppe Grillo.
paola taverna a tor sapienza 6PAOLA TAVERNA A TOR SAPIENZA 6
   
Per una periferia che brucia, ce n’è un’altra con un cerino acceso in mano. La risposta del Comune di Roma alla rabbia di Tor Sapienza è stata il trasferimento di 20 rifugiati minorenni in una struttura dell’Infernetto, quartiere ancora più lontano dal cuore della città, a pochi chilometri dal mare di Ostia.

La reazione è stata la stessa: “Qui non li vogliamo”. Domenica un’ottantina di persone ha manifestato nella rotonda di fronte al centro “Le Betulle”, dove sono stati portati i ragazzi. Ignazio Marino stavolta non ha esitato, è intervenuto subito: ha visitato la struttura domenica pomeriggio, ha conosciuto i minori – prevalentemente egiziani – e li ha fatti parlare con una delegazione di cittadini del quartiere.

Ha garantito che lo spostamento dei richiedenti asilo è una soluzione temporanea. L’Infernetto non è Tor Sapienza. Nessun mostro di cemento, solo villini e case basse . Un quartiere di pendolari che si riempie d’estate, per le vacanze dei romani. Qui non c’è miseria né degrado, solo un vento d’intolleranza.
paola taverna a tor sapienza 5PAOLA TAVERNA A TOR SAPIENZA 5

Nel pomeriggio però la rotonda di fronte al centro è deserta, la protesta sembra già spenta. Tre anziani fanno capolino e si lamentano per la mancanza di polizia. “Questo è un quartiere pulito – dice uno di loro – Non vogliamo che lo sporchino questi qua. Scappano dalla miseria? Da giovane se fossi scappato da una guerra sarei stato un disertore. Ognuno faccia la guerra a casa sua”.
   
Si avvicina Pier Francesco Marchesi, ex assessore municipale, eletto ai tempi del Pdl. Non fa più politica, dice, ma “dà una mano”: “Non ci piace come li hanno portati qui, senza consultarci. Non siamo una discarica”. È tra gli organizzatori di una fiaccolata contro i rifugiati, prevista domenica. Ma per fare infiammare anche l’Infernetto, la destra locale dovrà soffiare molto più forte.

3. PAOLA TAVERNA: “CI VEDONO COME TUTTI I PARTITI”
Paola Zanca per “il Fatto Quotidiano
paola taverna a tor sapienza 4PAOLA TAVERNA A TOR SAPIENZA 4

‘’Ma te rendi conto? Ma come se fa? Mi fa male, mi fa troppo male...”. Da un paio d’ore, Paola Taverna non si dà pace. Cacciata a brutte parole dai manifestanti di Tor Sapienza: a una eletta al Senato del Movimento Cinque Stelle non poteva capitare di peggio.

Cittadino mangia cittadino. E con le ossa rotte stavolta esce la più sanguigna dei parlamentari grillini: lei che urlava ai colleghi di palazzo Madama “ voi siete gnente”, se ne va con la più infamante delle accuse: fai la politica. “Non sono andata lì a fare passerelle. Volevo provare a spiegare che è inutile lanciare i sassi contro 30 ragazzi che stanno messi peggio di loro, che la cosa che devono fare è riprendersi le istituzioni, farsi vedere ai consigli municipali....”.
paola taverna a tor sapienza 3PAOLA TAVERNA A TOR SAPIENZA 3
   
Non l’hanno nemmeno lasciata parlare.
   Che dovevano fare... io li capisco, sono arrabbiati, delusi. Ma la cosa che mi ha fatto più male è quando mi ha chiamato “politica”.... ho capito che loro mi vedevano come una dall’altra parte.
   
Proprio voi che eravate i cittadini eletti.
   Io non lo so quando è successo che siamo diventati come gli altri. Mi fa male, mi fa male, perché mi rendo conto che tutto quello che faccio lì dentro non passa.
   
paola taverna a tor sapienzaPAOLA TAVERNA A TOR SAPIENZA
L’apriscatole, l’uno vale uno. Non ha funzionato niente?
   Con Renzi non esiste più nemmeno il Parlamento...che ci inventiamo? Forse abbiamo sbagliato anche noi a decidere di entrare nelle istituzioni. Dovevamo fare la rivoluzione? Non lo so, il sistema è riuscito ad omologarci, nonostante ce l’abbiamo messa tutta... non lo so, sono triste stasera.
   
È un fallimento?
   No, io c’ho la coscienza pulita, io c’ho le mani libere. Io sto lì, abito lì, mia madre abita lì... Prima li insultavo io, ora loro insultano me. Non fa niente. Che faccio, vado solo nelle piazze nostre, dove me fanno l’applausino? No, io a Tor Sapienza ci ritorno, tra dieci giorni non se la ricorda più nessuno e io ci ritorno.



http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/qui-tor-sapienza-non-hai-capito-tene-devi-and-qua-nun-volemo-88862.htm

Nessun commento:

Posta un commento