venerdì 31 ottobre 2014

Incendio alla Casa del rifugiato. Le Istituzioni si prendano le proprie responsabilità
Rivoltiamo la precarietà - Bari


Stanotte alla Casa del Rifugiato è stato appiccato un incendio doloso. Fortunatamente dei duecento abitanti nessuno è rimasto ferito, purtroppo però la paura è tanta. Come al solito c'è l'incertezza di quello che può succedere già da domani. Un piano della struttura è ora inagibile e questo complica l'esistenza già estremamente difficile di chi avevo trovato un tetto sulla propria testa.
Senza giri di parole, vogliamo ribadire ancora una volta, al di là del fatto in sé, che la responsabilità è delle istituzioni competenti che non hanno garantito una minima assistenza socio-sanitaria ed accoglienza ai rifugiati. Sono anni, e in particolare dall'esperienza ultima della casa del rifugiato, che in tutte le maniere (lettere, comunicati, sit-in, incontri con prefettura e comune) i migranti- rifugiati politici hanno richiesto un supporto concreto per il soddisfacimento di bisogni primari sanciti già dai trattati internazionali e da quelle poche leggi nazionali che sanciscono il diritto all'accoglienza. Ora almeno ci aspettiamo che chi di dovere si renda conto delle proprie gravi responsabilità ed intervenga per garantire quanto di sua competenza.


Alessandro in Lotta

Alessandro Verga

https://www.facebook.com/pages/Alessandro-in-Lotta/259125420891283?ref=ts&fref=ts

Nessun commento:

Posta un commento