venerdì 31 ottobre 2014

Il Comune di Milano striglia i vigili: "Fate più multe"
L'obbiettivo è di arrivare a mille verbali al mese per zona: solo la Zona 1 si avvicina al target. La missiva 'invisa' a molti esponenti di Cdz e ai sindacati degli agenti di polizia locale

Lo dice una lettera inviata dall'assessore comunale alla Sicurezza Marco Granelli ai commissari capo nei giorni scorsi. L'obbiettivo è di mille multe almese per zona (la 1, invece, 2mila).

"Vi chiedo quindi di richiamare in maniera decisa e urgente l’attenzione dei vostri agenti su questo tema e chiedere di utilizzare questi ultimi 3 mesi dell’anno per dare un segnale chiaro di controtendenza", scrive Granelli, come riporta Repubblica dalla missiva (che non sarebbe stata gradita da molte 'anime' istituzionali).

Nel mirino la zona 3: "Sia il dato mensile sia quello dei nove mesi - dice l'esponente del Comune - è il più basso di tutte le zone. Il dato di settembre è, tranne i mesi estivi, il più basso di tutto l’anno. Sia il dato mensile sia quello dei 9 mesi è al di sotto della metà rispetto all’obiettivo di 1.000 soste al mese per zona che era stato dato all’inizio dell’anno. La vostra zona tra l’altro mi pare essere una zona dove il fenomeno della sosta irregolare è molto presente".

E anche la 8: "Sia il dato di settembre sia quello dei primi 9 mesi dell’anno è appena poco sopra la metà dell’obiettivo delle 1.000 soste mensili. Chiedo quindi di sollecitare con decisione i vostri agenti ad avere attenzione a queste situazioni ed intervenire in maniera più decisa e costante".

I motivi del richiamo sono dati dal "miglioramento della sicurezza stradale" e la "gestione del traffico". Ma i sindacati degli agenti non ci stanno: "Con quali obbiettivi si stimano questi numeri? Il ruolo del vigile è quello di stare vicino alle persone, non essere gabellieri per fare cassa", tuonano Uil e Usb, come riporta Repubblica.


Alessandro in Lotta

Alessandro Verga

https://www.facebook.com/pages/Alessandro-in-Lotta/259125420891283?ref=ts&fref=ts

Nessun commento:

Posta un commento